1 0

da: laclarina

post icon

La Memoria di Shakespeare

BorgesLa memoria de Shakespeare (2004)Tutto è successo per via di Ad Alta Voce.

Il tema era “Il potere dei ricordi” – e non avete idea di quanto ci prenderemmo a botte in testa quando si tratta di tirar fuori letture per quei temi che a suo tempo c’erano parsi tanto simpatici… – ed ero a caccia.

Così ho pescato La Storia Più Bella Del Mondo di Kipling, il Sonetto 81 per l’Angolo Shakespeariano, il finale de La Coppa d’Oro di Steinbeck, il pezzo sulle Cose Che Non Sappiamo Più dall’Annibale di Granzotto, un frammento del Sipario di Kundera…

E poi, cerchicchiando qualcos’altro, ho scoperto l’esistenza di un racconto di Borges chiamato “La Memoria di Shakespeare”.  Ora, la borgesiana, tra noi, è M. – ma, contando sulla sua indulgenza in considerazione dell’argomento, mi sono messa a caccia.

E ho fatto una scoperta.Borges2

Avete presente l’opera omnia di Borges pubblicata dai Meridiani? Ebbene, io non so se la MdS sia l’unico racconto che manca – ma di sicuro manca. In originale dava il titolo a una raccolta di quattro racconti. Nei Meridiani gli altri tre compaiono sotto il titolo “Tre Racconti” – e la MdS non c’è. Né c’è da sola, o in altre raccolte… non c’è proprio. Si trova altrove, ho scoperto – per esempio qui,* – ma siccome mi riduco sempre all’ultimo momento, era troppo tardi per procurarsi un’altra traduzione in città… Così mi sono messa a caccia, e ho trovato una traduzione inglese.

Ed è così che ho fatto la conoscenza di questa che, prima facie, sembrerebbe un’avventura un po’ à la Kipling: il grigio accademico che, per un caso bizzarro, si ritrova in possesso, appunto, della memoria di Shakespeare. Non le memorie – ma la memoria: i ricordi, i pensieri, le idee di William Shakespeare da Stratford. La più straordinaria circostranza che possa capitare a uno studioso, giusto? Chi non vorrebbe? Hermann Soergel non dà retta ai criptici avvertimenti del donatore: accetta e aspetta. E questa memoria estranea e antica non gli cade in testa tutta in una volta, ma sale lentamente, come una marea irregolare… fino a farsi terrificante – e pericolosa.

BorgesPoi Borges è Borges, e la storia di per sé lascia il centro del palcoscenico a una serie di affascinanti speculazioni su Shakespeare – come se l’autore si fosse servito della forma narrativa per dar voce a qualche idea non proprio accademica in proposito… Sia chiaro, la storia funziona, inizia, cresce, s’impenna e finisce aperta, piena di promesse inquietanti e di domande su arte, memoria, identità… Però è chiaro che non è l’intreccio a contare davvero. È lo Shakespeare immaginato, l’adesione all’uomo misterioso nascosto dietro il Canone, il gioco intellettuale. Io di Borges non ho letto moltissimo – anche se ho tutta l’intenzione di recuperare – e mi si dice che questa sia la cifra di molta della sua narrativa.

Quel che è certo è che il suo Shakespeare è un profilo nell’ombra. Emerge per luccichii e sussurri – un particolare biografico, un colore, una suggestione. Magnifica idea, magnifica esecuzione, fascinanting stuff.

 

________________________________________

* Inrealtà Il “Libro di Sabbia” è un’altra raccolta – ma questa edizione contiene anche i quattro racconti de la MdS, seppur sotto l’indicazione “Ultimi Racconti”.

 

 

The post La Memoria di Shakespeare appeared first on Senza Errori di Stumpa.

da: laclarina

post icon

Di Viaggi nel Tempo

sfilata-palio-di-FerraraE così il Palio è stato. O meglio – niente affatto: è appena iniziato, perché l’omaggio al Duca è stato solo l’inizio – ma che inizio!

Dovete considerare che la mia esperienza di rievocazioni era… be’, era un sacco di cose, a ben vedere.

Da un lato, ho avuto a che fare con dei rievocatori, per dire così, da fuori. Di solito si trattava di malguidati tentativi di far interagire teatranti e rievocatori nel modo sbagliato. Perché il punto si è che, in linea generale, rievocatori e tratranti vogliono cose diverse. Si rievoca per ricreare un’epoca passata tanto accuratamente quanto si può, con somma attenzione ai particolari più minuti. In teatro, invece, si prendono scorciatoie, si tagliano angoli, si ignora con allegro sollievo tutto quel che non si vede dalla prima fila di platea, si adorano cerniere e velcro – ma soprattutto, non si ricrea: si evoca, si suggerisce, si richiama, si inclina a 45° gradi e si tinge di violetto… Cattura

Morale: i rievocatori inorridiscono davanti al costume teatrale medio e i teatranti levano gli occhi al cielo di fronte al rigore dei rievocatori. Mescolarli e farli lavorare insieme non sempre funziona. A me era capitato un po’ di tutto – dalle volte in cui proprio non aveva funzionato a quelle in cui si era rimasti a guardarsi sospettosamente da una riva all’altra del fossato… E poi c’erano i rievocatori che ho conosciuto di qua e di là senza vederli veramente all’opera. Compagni di studi, colleghi, amici, conoscenze occasionali… Gente che tornava dalla rievocazione della battaglia di Prestonpan definendo uno zigomo e un pollice fratturati come “roba da nulla” o che poteva passare ore e ore e ore a disquisire di fucili ad avancarica attraverso i secoli… Disse la donna che può passare ore e ore e ore a disquisire di minuzie teatral-elisabettiane – per cui sì, forse dovrei sentire più vicinanza di spirito con i rievocatori, ma devo confessare che almeno alcuni di loro mi fanno lievemente paura.

Untitled 40Dall’altro lato, però, desideravo molto partecipare a una rievocazione vera e propria, indossare uno di quei costumi meravigliosi, sperimentare questo genere di sguardo sui secoli passati…

E devo dire che il Palio di Ferrara mi ha dato ragione su questo secondo aspetto.

Intanto, con Hic Sunt Histriones siamo stati inseriti nel lato più teatrale della faccenda – in cui, una volta rivestiti come si doveva, potevamo interagire alla perfezione con i membri della Corte Ducale. In secondo luogo c’era G., histrio e rievocatrice – posizionata perfettamente a cavallo del fossato e in grado di fungere da cerniera tra i due mondi. È stata lei a volere me e gli Histriones – del che le sono molto grata. A 13292889_10153521247400868_2147127849_n2parte il fatto che è stato molto divertente scrivere in endecasillabi simil-ariosteschi, e che ho conosciuto persone simpatiche, appassionate e disponibili, ho avuto l’occasione di sfilare nel corteo indossando uno di quei meravigliosi costumi di cui si diceva – una tra i millecinquecento figuranti, al suono dei tamburi e delle trombe, lungo le vie di Ferrara antica, mentre cadeva il crepuscolo… Che devo dire? È stato emozionante. Smaltito il timore di pestarmi la gonna – e quello di sollevarla troppo nel tentativo di non pestarla (perché il magnifico costume era stato pensato per gente più alta di me…), mi sono persa nell’impressione che certe cose non fossero cambiate poi troppo negli ultimi cinque secoli e moneta… E poi lo spettacolo – o meglio, gli spettacoli di corte e contrade, nove in tutto, con punte di rimarchevole bellezza e, per lo più, nulla di troppo diverso da quel che avrebbero potuto vedere, all’epoca, i personaggi che interpretavamo seduti sul palco ducale.

Dopodiché, essendo quel che sono, non mi sono saputa impedire di strologar storie attorno alla mia dama in rosso, alle sue circostanze e alla gente che aveva attorno… Ma in fondo, ditemi: avete idea di un singolo motivo per cui, nella sera azzurra e nella città d’oro rosso, al suono delle trombe e al garrire dei gonfaloni, me lo sarei dovuto impedire affatto?

The post Di Viaggi nel Tempo appeared first on Senza Errori di Stumpa.

da: Sergio Marcheselli

post icon

Peccato originale

Abbandonare la terra, le nostre radici, non ci porterà a nulla di buono.

Sta già succedendo.

da: Sergio Marcheselli

post icon

Non solo selfies

Debbo recitare il mea culpa e cospargermi il capo di cenere (così, magari, ci cresce pure qualcosa), perché grazie allo smartphone (un iPhone6 Plus, in questo caso) ho potuto portare a casa scatti diversamente improbabili con la DSLR a meno di ricorrere all’uso del treppiede, del flash o alla tecnica dell’HDR.

Corte_004Sono andato in esplorazione (termine indicato, considerate le condizioni di degrado in cui versa) in una vecchia corte della campagna parmense con alcuni amici, con l’intenzione di fotografare l’abbandono e l’azione inclemente del tempo sulle cose degli uomini. Avevo già fotografato un poco all’esterno questo sito, ma entrare è stata comunque una esperienza gratificante. Molteplici storie di vita, di lavoro, forse di sofferenza, probabilmente di ricchezza e poi decadenza. Uscendo si porta nel cuore la tristezza nel vedere tanta bellezza abbandonata. E, tra l’altro, non si tratta di situazioni isolate: le nostre campagne sono piene di realtà simili, grandi o piccole, famose o sconosciute, ma tutte accomunate dallo stesso destino. Ad esempio, solo uscendo da questa costruzione, ci si trova davanti ad un’altra splendida corte abbandonata ed una ancora appare sullo sfondo poco più lontano.

Le foto: ok, non saranno opere d’arte (colpa mia) e non saranno nemmeno utilizzabili per stampe di grandi dimensioni (limite tecnico), ma riuscire a documentare comunque e a, come si dice, portare a casa gli scatti ugualmente, è stato un plus veramente gradito.

E’ proprio il caso di dire: una freccia in più all’arco del fotografo. Rimane sempre da reperire il fotografo.

 

da: laclarina

post icon

Palio!

PalioLogoSapevate che il Palio di Ferrara è il più antico del mondo?

Io l’ho scoperto di recente, dopo essere stata coinvolta nella faccenda… per iscritto e di persona.

Sabato sera Hic Sunt Histriones sarà a Ferrara per il Giuramento delle Contrade, ricreando il tempo e le storie di Ludovico Ariosto – soprattutto l’Orlando Furioso, di cui quest’anno ricorre il quinto centenario dalla pubblicazione. E ci sarò anch’io, che ho curato il testo in versi per la Corte Ducale – e non  vedo l’ora di vederlo rappresentato nella bella Piazza Municipale. E sfilerò nel corteo, nei meravigliosi panni di una dama della Corte Ducale… Anche di questo, confesso, non vedo l’ora. Palio_mesi_mese_di_aprile

Se siete dalle parti di Ferrara, perché non venite a vederci? Millecinquecento figuranti in costume, un Maestoso Corteo, poesia, musica, duelli e danze… Sarà un viaggio nel tempo, contrada dopo contrada,  fino al Rinascimento cortese dell’Ariosto… Direi che ci sono modi assai peggiori per passare un sabato sera di fine maggio.

Se volete informazioni, qui c’è il sito del Palio, e qui potete scaricare il programma. Meanwhile, Este viva!

 

The post Palio! appeared first on Senza Errori di Stumpa.

da: Pensacuoca e Fotomangio

post icon

Torta di fragole e ghiaccia al limone

Oggi vi offriamo questa torta di fragole e ghiaccia al limone per celebrare la Giornata Nazionale delle Fragole del Calendario del Cibo Italiano di AIFB, che ha per ambasciatrice Stefania Pigoni del blog Dolcissima Stefy, e per questo prelibato frutto siamo andati a scomodare addirittura Bartolomeo Stefani. Nel mondo globalizzato e snaturato di oggi, frutta e verdura di […]

The post Torta di fragole e ghiaccia al limone appeared first on Acqua e Menta.

da: laclarina

post icon

Zot!

writtSiede la Clarina e scrive. O meglio, ella revisiona. O meglio ancora, dovrebbe revisionare. All’atto pratico, appollaiata  nel suo angolo di divano, la Clarina fissa ferocemente un pezzetto di Capitolo Terzo sullo schermo del computer. E intanto si mordicchia il labbro, e agita le punte delle dita a un paio di centimetri dalla tastiera.

L’ospite P, insediata in poltrona, legge. E legge. E legge.

La Clarina sospira.

E P legge.

E la Clarina mugugna.

E P legge.

E la Clarina geme.

E P chiude il libro e contempla per un pochino la Clarina e poi…

P. “Perché, o Clarina, fissi ferocemente un pezzetto del Capitolo Terzo, e ti mordicchi il labbro, e agiti le punte delle dita a un paio di centimetri dalla tastiera, e sospiri, e mugugni, e gemi? Eh? Perché?

C. “Sono bloccata. Mi serve una battuta fulminante…”Zot

P. (prontissima) “Muori?”

La Clarina sussulta e si abbandona a un convulso di cachinni.

C. (tra un cachinno e l’altro) “Non… Non… non così drastica…”

P. (altrettanto pronta) “Be, allora Ti venisse un fulmine? È più soft, volendo.”

Eh. Volendo proprio tanto…

No, così. Perché queste cose a casa mia succedono davvero.

Dovevo mettervi a parte.

The post Zot! appeared first on Senza Errori di Stumpa.

da: Sergio Marcheselli

post icon

Dolce sera

Ci sono migliaia di luoghi più belli, luoghi lontani, posti che regalano immagini di poesia assoluta.

Ma ci sono momenti, attimi, giusto il tempo di uno scatto, in cui i “miei” luoghi regalano un senso di pace, di tranquillità, di dolcezza che non baratterei con nient’altro.

da: Sergio Marcheselli

post icon

Dolce sera

Ci sono migliaia di luoghi più belli, luoghi lontani, posti che regalano immagini di poesia assoluta.

Ma ci sono momenti, attimi, giusto il tempo di uno scatto, in cui i “miei” luoghi regalano un senso di pace, di tranquillità, di dolcezza che non baratterei con nient’altro.

da: Pensacuoca e Fotomangio

post icon

Brownies alle ciliegie senza latticini e senza glutine

Abbiamo preparato questi Brownies alle ciliegie da pubblicare nel mese di maggio sul portale Territori.COOP. Noi abbiamo usato il durone di Vignola, una particolare varietà di ciliegia tipica di quella zona dell’Appenino Modenese, coniugandolo al brownie, il tortino al cioccolato tipico dessert della cucina statunitense. Il ciliegio è originario dell’Asia occidentale ma è presente in […]

The post Brownies alle ciliegie senza latticini e senza glutine appeared first on Acqua e Menta.