1 0

da: triestenext

post icon

Il candidato perfetto per un posto di lavoro

Laurea triennale, laurea specialistica, e magari anche un dottorato. La lista di titoli nel?curriculum?di un?neolaureato?diventa sempre pi? lunga nella speranza di essere qualificato abbastanza da poter trovare un posto di?lavoro. Tuttavia, la carriera universitaria spesso non basta per questo scopo.

Allora cosa vogliono le?imprese?da un neolaureato? La risposta a questa domanda viene dal?confronto tra aziende e universit?, avvenuto in pi? incontri?durante?Trieste Next.

Innanzitutto, gli studenti iperspecializzati non piacciono molto. Meglio giovani versatili,?flessibili, che siano in grado di applicare le proprie conoscenze anche in settori un p? diversi dal proprio.

Neanche i neolaureati eccessivamente accademici fanno successo. Le imprese preferiscono ragazzi con?progetti, o anche semplici idee, che siano?applicabili,?e che possano aumentare il loro profitto o almeno farle risparmiare.

Le aziende hanno bisogno di giovani?intelligenti,?temprati?e con forte?personalit?: tre caratteristiche indispensabili per la nascita di?nuove idee. Cercano persone che?sappiano usare la propria testa e che sappiano mettersi in gioco.

Il suggerimento comune dei delegati delle varie imprese, che nasce dalle loro stesse esperienze, ? di?cogliere tutte le occasioni, anche quelle di cui non si ? sicuri, perch? ognuna di esse pu? essere la porta per una?carriera?che nemmeno ci si poteva immaginare.

Grazie a ?Trieste Next, che ha fatto comunicare aziende e universit?, facendoci cos? scoprire qual ? il candidato perfetto per un posto di lavoro.

Elena Milani

 

30 settembre 2013

da: triestenext

post icon

Bilancio Trieste Next. Il Salone chiude in crescita. Prossima edizione ancor pi? internazionale

Trieste Next chiude guardando gi? al futuro. Il prossimo Salone punter? ad una dimensione pi? internazionale. ??Trieste pu? diventare sempre pi? punto di riferimento per sperimentare nuove modalit? di incontro tra ricerca scientifica e impresa? ? stato il commento del direttore di Trieste Next Filiberto Zovico. Per farlo, tuttavia, aggiunge Zovico ?l’intero sistema che ha contribuito al successo anche di questa seconda edizione deve porsi l’ambizioso obiettivo di farla diventare ?una grande manifestazione la cui importanza valichi i confini italiani?. Stessa ambizione per il rettore dell’Universit? di Trieste, Maurizio Fermeglia, che auspica ?che il progetto Trieste Next assuma una dimensione sempre pi? internazionale?.

Il Salone Europeo della Ricerca Scientifica?si ? chiuso con un aumento delle presenze del 16%. In tutto 35mila presenze totalizzate nella seconda edizione, passato dalle 30mila registrate nel 2012 alle 35mila di quest?anno. Un risultato raggiunto anche grazie alla concomitanza con la Northeast Night – Notte Europea dei Ricercatori.?Sale molto partecipate, con punte di 1.400 persone?per la serata in ricordo di Margherita Hack (gioved? 26 settembre), di oltre 600 per ?Italiax10. La scienza del futuro? (venerd? 27 settembre), evento promosso da Telecom Italia e VeneziePost e condotto da Beppe Severgnini, e di 500 presenze per Nordest Technology Transfer (sabato 28 settembre), progetto dedicato al trasferimento tecnologico promosso da MIB School of Management e Fondazione CUOA.
Overbooking anche per la presentazione di “Tecnologismi”, il nuovo libro di Massimo Sideri, o per l?incontro con Giulio Giorello e Edoardo Boncinelli, e grande partecipazione anche ai dibattiti dedicati a ?temi caldi? come la gestione dei porti dell?Alto Adriatico, le nuove tecnologie per la salvaguardia ambientale, la riduzione degli sprechi, le start-up dell?acqua o per vedere la realizzazione della prima ?Green Boat?.
?Trieste pu? essere orgogliosa ? ? stato il commento del sindaco di Trieste Roberto Cosolini ? Trieste Next ha evidenziato quanto ricco sia il suo tessuto scientifico e quanta intelligenza diffusa vi operi: un biglietto da visita e una risorsa per il futuro. Migliaia e migliaia di persone, con tantissimi giovani, confermano quanto la cultura, in questo caso scientifica, appassioni e coinvolga. Un ringraziamento a tutti i partner, ai tanti giovani volontari che ci hanno aiutato e a tutta la ?squadra del Comune? impegnata per parte nostra a lavorare per questo risultato. Da domani con Universit? di Trieste e Nordesteuropa si lavora alla prossima edizione?.

29 settembre 2013

da: triestenext

post icon

Saltellando tra le sfere….

Giovanni Bignami, astrofisico e noto divulgatore scientifico, stamattina al Museo Revoltella ci ha accompagnato in un accattivante viaggio per le sette sfere (che, si noti bene!, non sono quelle del drago), sfere concentriche che vanno dalla pi? interna, il centro della Terra, alla pi? lontana da noi: quella delle stelle fisse. Questo cammino ? stato imperniato su una combinazione di scienza e fantasia; quest’ultimo aspetto ? spesso sottovalutato rispetto al primo, ma si deve tener conto del fatto che senza immaginazione non si sarebbe arrivati al punto di conoscenza cui siamo ora, e poi anche Einsein sosteneva “la fantasia ? pi? importante del sapere in quanto l’una ? illimitata, l’altra no”.

 

Arianna dell’Oglio

29 settembre 2013

da: triestenext

post icon

Anche l’Inter a Trieste Next

Fuori programma ieri a Trieste Next. Proprio mentre Beppe Severgnini e Massimo?Sideri stavano dialogando su social network, al ridotto del Verdi,?si ? palesata la squadra dell’Inter. Il pullman della squadra del Biscione ? arrivata al Savoia. Severgnini ha gradito la sorpresa, essendo, come noto,?un grande tifoso nerazzurro.

29 settembre 2013

da: triestenext

post icon

Scienza, filosofia ed economia dell’acqua: gli eventi di oggi a Trieste Next

 

Boncinelli, Pievani, Costa, Falcato, Guerzoni, Bignami tra gli ospiti principali della terza giornata del Salone Europeo della Ricerca Scientifica. Alle 17 ?Alla scoperta della vita?, dialogo conclusivo con Edoardo Boncinelli e Telmo Pievani.

La scienza, la filosofia e l?economia dell?acqua: sono queste le tre prospettive con cui si decliner? ?Waterwise?, il titolo della seconda edizione di Trieste Next, domenica 29 settembre, terza e ultima giornata giornata del Salone Europeo della Ricerca Scientifica.

Presentazioni, convegni, dibattiti e concerti in programma nella seconda giornata del Salone: il calendario completo di Trieste Next ? disponibile sul sito www.triestenext.it, nella sezione Programma, dove ? possibile scoprire gli appuntamenti in calendario, i relatori, le location e le sezioni e registrarsi agli eventi di proprio interesse.

SCIENZA, FILOSOFIA, ECONOMIA DELL?ACQUA:? I DIBATTITI DI DOMENICA 29 SETTEMBRE. La giornata conclusiva di domenica si aprir? all?Auditorium del Museo Revoltella con Viaggio al centro della terra (ore 11), dibattito condotto dal giornalista e scrittore Federico Taddia, che vedr? la partecipazione di Francesca Matteucci, presidente Consiglio Scientifico INAF, e il direttore INAF Istituto Nazionale di Astrofisica Giovanni Bignami, che presenter? il suo ultimo libro Il mistero delle sette sfere.

Sempre alle 11, il Ridotto del Teatro Verdi ospiter? invece il confronto a cura de Il Piccolo sul tema ?Parchi acquatici: opportunit? di sviluppo economico?, con la partecipazione di Giuseppe Costa, presidente Costa Edutainment, Jo?o Falcato, presidente e amministratore delegato Ocean?rio de Lisboa, e Guido Guerzoni, docente di Economia e management delle istituzioni culturali, per la moderazione di Silvio Maranzana, giornalista Il Piccolo.

Il focus sul binomio acqua-sviluppo prosegue alle 12 allo Starhotels Savoia Excelsior Palace con ?Acqua e agricoltura: strategie per l?efficiente gestione di un bene comune? con Edi Clementin, direttore Azienda Vinicola Jermann, Francesco Danuso, docente di Agronomia e Modellistica Universit? di Udine, Franco Scolari, direttore generale Consorzio Cellina Meduna, per la conduzione di Mariano Maugeri, giornalista Sole 24 Ore.

Nel pomeriggio, alle 15 (Ridotto Teatro Verdi), spazio alle propriet? terapeutiche dell?acqua con ?L?acqua che cura? e l?intervento di Fabrizio Caldara, direttore scientifico Centro Studi Termali Pietro d?Abano, Franco Cozzi, ricercatore di Reumatologia Universit? di Padova, Nives Kova?, docente Istituto Nazionale di Biologia di Pirano, Ida Poletto, presidente Abano Spa, Claudio Riccobon, amministratore delegato Terme di Arta, Sergio Schiavi, direttore Terme di Grado. A condurre l?incontro, Eliana Liotta, direttore Ok Salute e benessere.

Il calendario dei grandi dibattiti sulla scienza del futuro si chiuder?, poi, alle 17 al Ridotto del Teatro Verdi con ?Alla scoperta della vita? dialogo tra Edoardo Boncinelli, docente di Biologia e Genetica Universit? ?Vita-Salute San Raffaele? di Milano, e Telmo Pievani, docente di Filosofia delle Scienze biologiche, Universit? di Padova, durante il quale verr? presentato l?ultimo libro di Boncinelli, Vita (Bollati Boringhieri): sono passati quattro miliardi di anni dalla prima scintilla di vita sul pianeta terra, ma solo da poche decine di migliaia d’anni la specie umana ha iniziato a interrogarsi sul fenomeno della vita. E solo da poche decine di anni abbiamo potuto dare delle risposte sensate. Ed ? infine da pochi, pochissimi anni che l’uomo ? in grado di intervenire coscientemente nel meccanismo stesso della vita. Viviamo in un’epoca unica e straordinariamente interessante: per la prima volta la vita ragiona e interviene su se stessa. Qualcosa di stupefacente, emozionante e bellissimo.

29 settembre 2013

da: triestenext

post icon

ITALIAX10 I ricercatori italiani battono Star Trek

Scienziati?giovani e brillanti hanno esposto le loro?ricerche?innovative?in dieci minuti durante?l’evento ?ITALIAX10 La scienza del futuro? di Trieste Next, e devo ammettere che per un momento mi sembrava di essere su Star Trek!?Questo evento ? stato proprio una finestra sul mondo dei ricercatori italiani:

Cosa spinge questi giovani scienziati a fare ricerca scientifica? La passione.
Cosa vorrebbero fare una volta terminato il dottorato di ricerca o il loro progetto? Continuare a fare ricerca.
Cosa succeder? una volta terminato il dottorato o il progetto? Non lo sanno, perch? non ? detto che gli rinnoveranno i fondi per la ricerca. Alcuni pensano di andare all?estero, altri di cercare finanziamenti esterni, altri ancora di mettersi in proprio e di avviare una ricerca indipendente, ma ? ostacolata dalla legislazione italiana.

Il futuro dei ricercatori italiani non ? roseo, anche se i loro progetti porteranno sicuramente grandi vantaggi alla societ?: dal campo medico a quello ingegneristico e non solo. Ha proprio ragione il rettore dell?Universit? di Trieste, Maurizio Fermaglia, quando dice che ?dobbiamo investire in cervelli in Italia?. Altrimenti, come risponde Severgnini: ?i cervelli vanno fuori, all?estero?.

Cosa ho capito dopo aver ascoltato questi giovani ricercatori? Ho capito che la ricerca non ? importante solo per gli scienziati e per le imprese, tutti noi ce ne dovremmo interessare perch? migliora la qualit? della nostra vita. Se l?Italia volesse veramente innovazione, tecnologia, progresso e sviluppo, dovrebbe investire nella ricerca, altrimenti, potrebbe perdere tutte queste giovani menti e i loro progetti, che sono migliori di Star Trek.

Elena Milani

28 settembre 2013

da: triestenext

post icon

Mica facile come bere un bicchier d’acqua

Nel Ridotto del Teatro Verdi stamattina sono stati presentati ingegnosi metodi di studio della Terra e dello Spazio che in un modo o nell’altro necessitano delle acque del nostro pianeta.
Nonostante sia sotto gli occhi di tutti che l’acqua sia alla base di ogni cosa, tanto da aver portato popoli e filosofi del passato a trattarla come un dio, stupisce sempre constatare come un elemento cos? semplice con cui si ? a contatto quotidianamente possa aver propriet? incredibiili come per esempio portar con s? informazioni riguardo a qualcosa che ? lontanissimo e nello spazio e nel tempo…e comunque i pi? di noi continuano a non rispettarla, e di conseguenza a non rispettarci!

Arianna dell’Oglio

28 settembre 2013

da: triestenext

post icon

Trieste Next tutti gli appuntamenti di oggi

Zanonato, Marzotto, Chiodi, Lombroso, Segr?, Szollosi-Nagy, Giorello, Severgnini, Sideri tra gli ospiti principali della seconda giornata del Salone Europeo della Ricerca Scientifica.
Alle 11, le 6 migliori innovazioni ?pronte per l?impresa? a ?Nordest Technology Transfer. 200 innovazioni per far crescere l?impresa?. Alle 11.30, la consegna del Premio ?Vivere a Spreco Zero?. Alle 21, Banda Osiris, Plevani e Taddia a ?Finalmente il Finimondo?.

Questa mattina al Teatro Verdi, alle 11, c?? NTT-Nordest Technology Transfer. 200 innovazioni per far crescere l?impresa. Il progetto promosso da Fondazione Cuoa di Vicenza e MIB School of Management di Trieste, con la collaborazione dei dipartimenti di trasferimento tecnologico delle universit? del Nordest e il sostegno di Cassa di Risparmio Friuli Venezia Giulia, Studio Cortellazzo&Soatto e Studio Bonini. Durante l?appuntamento, condotto da Paolo Possamai, direttore Il Piccolo, i 6 ricercatori selezionati presenteranno i propri progetti di innovazione ?pronta per l?impresa? di fronte a un panel di capitani d?impresa di rilievo internazionale e nazionale: Isabella Chiodi, vicepresidente IBM Europa, Matteo Marzotto, presidente Fondazione CUOA e presidente Associazione Progetto Marzotto, Giuseppe Morandini, presidente CariFVG, Sergio Razeto, presidente W?rtsil? Italia, Roberta Virago, responsabile commerciale Virosac.

Si prosegue con il Premiio ?Vivere a spreco zero? (Panorama Giustinelli, ore 11.30). Trieste Next ha lanciato nel 2012 – con Last Minute Market e ?Un anno contro lo spreco? ? la Carta Spreco Zero, che impegna centinaia di primi cittadini a misure concrete di abbattimento degli sprechi sul territorio amministrato. Il Premio ?Vivere a spreco zero?, assegnato da un pool di esperti e ricercatori coordinato da Last Minute Market con il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-alimentari dell?Universit? di Bologna, sar? dedicato alle migliori buone pratiche messe in atto dai Comuni italiani, declinate fra lotta allo spreco alimentare, idrico ed energetico, ma anche all?impegno sul versante dei rifiuti, della mobilit?, degli acquisti. Il Premio sar? consegnato alla presenza del presidente di Last Minute Market Andrea Segr?, del sindaco di Trieste Roberto Cosolini e di Jan Lundqvist, senior scientific advisor SIWI Stockholm International Water Institute, e di Stefano Mazzetti, coordinatore ?Spreco Zero Net?.

E ancora alle 17 la lectio magistralis Metamorfosi dell?acqua (Museo Revoltella) di Giulio Giorello, professore ordinario di Filosofia della scienza, Universit? di Milano, e il dialogo ? To share or not to share ? tra Beppe Severgnini e Massimo Sideri, che presenter? il suo ultimo Tecnologismi. Posologia e controindicazioni per l?uso dei social network (Ridotto Teatro Verdi) sull?uso e abuso di social network. Twitter, Facebook e Google+ hanno conquistato un ruolo importante nelle nostre vite e grazie a tablet e smartphone ci seguono ovunque.
La giornata svilupper? poi il tema dell?acqua come volano di crescita e sviluppo del territorio: tre gli appuntamenti in contemporanea alle 15, a partire da ?L?acqua senza confini? (Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori), con Enrico Altran, direttore strategie e sviluppo AcegasAps, Franco Cucchi, docente di Geografia fisica e geomorfologia Universit? di Trieste, Andras Szollosi-Nagy, rettore Institute for Water Education UNESCO, e Verena Winiwarter, docente di Storia dell?ambiente, Universit? di Klagenfurt, con la moderazione del giornalista Fabio Pagan. Sempre alle 15, anche ?Un grande porto dell?Alto Adriatico? (ore 15, Ridotto Teatro Verdi), convegno promosso dal Piccolo che vedr? la partecipazione di Paolo Costa, presidente Napa, Galliano Di Marco, presidente Autorit? Portuale di Ravenna, Vlado Mezak, direttore Autorit? Portuale di Fiume, e Debora Serracchiani, presidente Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Allo Starhotels Savoia Excelsior Palace, si parler? invece di ?Acqua e innovazione?, con Giulio Bonazzi, amministratore delegato Aquafil, Roberto Brazzale, presidente Brazzale, Enzo Giust, managing director Veolia Water Solutions & Technology Italia, Paolo Tonon, vicepresidente R&D W?rtsil? Corporate, e la moderazione del giornalista di Repubblica Affari&Finanza Marco Panara.
Alle 18, ? il momento de ?Le grandi imprese del mare? (Starhotels Savoia Excelsior Palace), evento di presentazione de I Costa. Storia di una famiglia e di un?impresa (Marsilio Editori) con Giuseppe Costa, presidente Costa Edutainment, Paolo Costa, presidente Autorit? Portuale di Venezia, Vincenzo Petrone, presidente Fincantieri, e Fabio Rizzi, dirigente Ambiente e Sicurezza, Autorit? Portuale di Trieste.

La giornata di Trieste Next si ? aperta (alle 10) al Ridotto Teatro Verdi, con ?Gli estremi dell?acqua? e la partecipazione di Carlo Barbante, docente di Paleo Clima Universit? Ca? Foscari di Venezia, Nando Boero, docente di Ecologia Universit? di Lecce, Antonio Capone, docente di Fisica Universit? di Roma ?La Sapienza? e Luca Lombroso, climatologo e direttore del Museo astronomico e geofisico Universit? di Modena e Reggio Emilia. A condurre, il giornalista Luigi Bignami.

28 settembre 2013

da: triestenext

post icon

Bevo, Riciclo, Creo

Ricercatori e non negli ultimi tempi sono unanimemente d’accordo sul fatto che l’invenzione che cambier? maggiormente il nostro futuro sar? la stampa in 3D, ovvero creare noi stessi a casa un oggetto in plastica partendo da un disegno in terza dimensione fatto a computer.
L’ICTP – International Center of Theoretical Physics – ha portato a “La Notte dei Ricercatori” per TriesteNext, il Perpetual Plastic Project, ovvero un assaggio di come una stampante 3D pu? essere utilizzata anche in ambito domestico da tutti noi.
In questo caso partendo da un bicchiere di plastica possiamo creare praticamente qualsiasi cosa, come per esempio un anello.
Il bicchiere viene lavato, sminuzzato e pressato in modo da diventare un filamento di plastica che poi viene collegato alla stampante 3D che crea rapidamente l’oggetto desiderato.
Facile, veloce e pratico, proviamo a pensare all’utilit? di questa macchina a casa nostra… Incredibile!
Resta solo da capire come disegnare un oggetto in 3D ma per fortuna c’? AutoCAD…

Daniele De Marco

[youtube]http://youtu.be/dIq3kwRVFqk[/youtube]

28 settembre 2013

da: triestenext

post icon

Trieste Next per i bimbi. La guest star ? Topolino

Trieste Next per i pi? bambini continua anche oggi. La scienza a portata dei pi? piccoli l?obiettivo del calendario di appuntamenti per bambini che continua ad animare il palinsesto di Trieste Next 2013, anche oggi, sabato 28 settembre, e domani.

Cuore della sezione ?Next per i bambini? ? piazza Unit? d?Italia, che nei giorni della manifestazione si ? trasformata in Agor? della Scienza. Lo Special guest dell?Agor? ? Topolino, il settimanale a fumetti pi? amato al mondo. Il team della redazione di Topolino, col direttore Valentina De Poli e gli autori e i disegnatori del giornale, incontrer? lettori e studenti per realizzare insieme un numero maxi del giornale a fumetti, dedicato al tema dell?acqua; domenica 29, la scuola di disegno sar? aperta a tutti i bambini.

Ed ecco altri appuntamenti. Oggi a partire dalle 16.30, Editoriale Scienza, con la collaborazione di Giunti Editore, festeggia il ventesimo anniversario con Acqua e vita, cui seguir?, alle 17.30, il laboratorio in lingua slovena Voda in ?ivljenje. Ob 20-letnici zalo?be. Entrambi gli appuntamenti sono destinati ai bambini di almeno 6 anni. Nella giornata di domenica 29, invece, doppio appuntamento alla Libreria Giunti al Punto, alle 10.30 e 11.30, con il laboratorio Splish Splash, il teatrino della scienza con l?acqua! (per bambini dai 4 anni in poi); alle 15, Telmo Pievani e Federico Taddia incontreranno i bambini in occasione della presentazione di Perch? siamo parenti delle galline? (Agor? della Scienza).

Gli appuntamenti per i ragazzi non finiscono qui. L?ASS1 Triestina, con il Comune di Trieste e ARPA FVG, sempre oggi, alle 9.30, presenta il questionario sull?acqua rivolto ai ragazzi e alle ragazze dei ricreatori comunali, per parlare di acqua come determinante della salute delle persone e dell’ambiente, e presentare i progetti sul territorio. E poi appuntamento alle 12 in piazza Unit?. L??ASS1 Triestina, in collaborazione con il Comune di Trieste, con il patrocinio di Federsanit?, affronta il tema delle ristorazioni collettive in termini di salute individuale e sostenibilit?
ambientale, con particolare riguardo al ruolo multifunzionale del ristorante
scuola (la nutrizione e l?educazione alimentare, la sostenibilit? sociale, ambientale e etica, le tutela delle culture locali e delle tradizioni) e alla dieta sostenibile secondo la FAO.
A seguire degustazioni di sane e golose centrifughe a base di frutta e verdura a cura di Zoe Food.

28 settembre 2013