post icon

Al via TriesteNext. Tributo a madame Hack

Trieste Next parte stasera. L?evento dedicato a Margherita Hack nasce nel senso dell?emozione, prima di tutto. Per la vita, l?impegno, la passione e anche la devozione al ?pensiero libero ed anticonformista? della scienziata. L?astrofisica nasce a Firenze e viene adottata da Trieste, assumendo in s? la duplicit? delle due citt?, la bellezza, l?umanit? e il senso della rinascenza del pensiero unit? al rigore, alla disciplina, alla linearit?, all’imponenza della scienza. ?La Hack ? oggi un?icona, fu la prima donna a dirigere un osservatorio astronomico in Italia, assumendo una credibilit? internazionale, ma senza dimenticare l?importanza della divulgazione.

L?evento di aperture a lei intitolato, ?Siamo fatti di stelle?, era l?unico modo possibile per aprire la seconda edizione di Trieste Next (26-29 settembre 2013). L?evento, che verr? trasmesso?in live streaming su Rai Scuola?(www.scuola.rai.it), proporr? immagini, video e testimonianze per celebrare uno dei simboli della citt? di Trieste e promuovere la straordinaria avventura umana e intellettuale di Margherita Hack. Tra gli ospiti della serata, i sindaci delle sue due citt?, Firenze e Trieste, Matteo Renzi e Roberto Cosolini, ma anche di suoi colleghi, collaboratori e partner: Stefano Borgani direttore INAF sezione di Trieste, cui afferisce l?Osservatorio Astronomico che Margherita Hack diresse ? la prima donna italiana a farlo ? dal 1964 al 1987; Don Pierluigi Di Piazza, con cui l?astrofisica si confront? in Dialogo tra un?atea e un prete, Francesca Matteucci presidente Consiglio Scientifico INAF, e Federico Taddia, giornalista e co-autore di Nove vite come i gatti, in cui Margherita Hack, “un bestione tutto senso e stupore”, come la defin? scherzosamente un collega, raccont? i suoi primi 90 anni passati con lo sguardo rivolto verso un ignoto da indagare continuamente ma “con i piedi ben saldi per terra”. La serata ? realizzata con la collaborazione di Rai Scuola e INAF-Istituto Nazionale di Astrofisica Osservatorio Astronomico di Trieste.

26 settembre 2013

Questo post è stato scritto da: triestenext

Nessun commento

Lascia un commento