1 0 Tag Archives: demo
post icon

Demo: Antonio Ghezzani, musica a 360?

di Alessio Santacroce

Diplomato in chitarra classica al conservatorio di Livorno, Antonio Ghezzani??divide la sua attivit? concertistica tra la musica classica, quella tradizionale antica e la moderna. Suona il mandolino, la mandola contralto, il mandoloncello, l’ukulele, il pianoforte, e costruisce delle chitarre fantastiche utilizzando legni pregiati e tantissima passione. Si esibisce principalmente come solista, ma fa anche parte di gruppi di musica da camera insieme ai quali ha preso parte a festival di musica tradizionale del mediterraneo, collaborando con artisti del calibro di Dennis Bowell, Alberto Ponce, Bobo Rondelli, Mauro Ermanno Giovanardi.

E? stato anche il solista della Philharmonie de Fontainebleu durante l’esecuzione del Concerto de Aranquez, e ha partecipato a numerose produzioni come la versione italiana del musical Rent o la prima del Pantrago. Nonostante gli studi classici, la sua formazione sul campo ? stata decisiva, soprattutto grazie ai viaggi con musicisti di altre nazionalit?. Ha lavorato come assistente al conservatorio Pietro Mascagni di Livorno e come titolare di cattedra in quelli parigini di Montfort l’Amaury e?Sucy en brie. Su Arondeband si pu? ascoltare in un brano di Anna Granata.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
Leave a Comment
post icon

Demo: Hati & Skoll, sconfinata rabbia

di Alessio santacroce

Tornano pi? grintosi che mai gli Hati & Skoll che,?dopo la convincente esibizione all’ultimo Demo Metal, si sono rinchiusi in sala prove per registrare i brani del nuovo corso e perfezionare alcuni aspetti della loro performance live. Il sound della band ? ancora granitico, il riffing si mantiene serrato, ma nel nuovo singolo ?Sconfinata rabbia? si passa al cantato in italiano e fanno la loro comparsa arpeggi melodici che lasciano maggiore spazio alla bella voce di Vanessa Caracciolo. Il songwriting della potente vocalist ? ispirato all’amore per la natura e all’odio per chi la sta uccidendo senza pensare alle conseguenze. Niente male anche ?Solitary Silent?, stratificata e ben eseguita da una formazione che si presenta con le idee chiare.?Ad aprile gli Hati&Skoll hanno preso parte al contest rock organizzato a Santa Croce sull’Arno e sono stati ammessi alle semifinali del 17 maggio. In realt? i ragazzi della band sono abituati a questo traguardi: nel 2013, infatti, hanno vinto il premio della giuria al Fisoni Festival di Cecina e hanno ottenuto una nomination ai Livorno Music Awards.?Gli altri membri del gruppo sono Emanuele Mazza alla chitarra ritmica, Andrea Volpini alla batteria, Riccardo Rossetti a basso e Gabriele Signoriello alla chitarra solista.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
post icon

Demo: Missteryke, nuovi traguardi

di Alessio Santacroce

Dopo due anni torniamo a parlare delle Missteryke, gruppo tutto al femminile fondato nel 2005 da Stefania Brugnoni (basso) e Simona Tarantino (batteria), raggiunte in seguito dalla vocalist Monia Mosti a dalla chitarrista Manuela Galasso (che abbandoner? il gruppo nel 2012 lasciando il posto alla talentuosa musicista Greta Merli). Grazie all’ottimo feeling che si instaura con la nuova entrata, le Miss trovano l’ispirazione per nuove creazioni e ufficializzano il loro ritorno nel marzo del 2013 con la partecipazione a Rock Targato Italia, dove rientrano tra i migliori 18 gruppi in gara a livello nazionale. A ottobre 2013 due grandi eventi coinvolgono la band: l’ingaggio per il rilancio del Baraonda e l’apertura del concerto di Tonino Carotone al The Cage.

Ad aprile 2014 le Missteryke si ripresentano a Rock Targato Italia e, grazie a brani come ?La mente non ha idee?, ?Il barone della sorte? e ?Annalucie?, sono giudicate miglior gruppo toscano della rassegna che si chiuder? con un concerto a Milano. Attualmente le ragazze stanno lavorando al seguito di ?Tempismi Imperfetti?, un lavoro che si preannuncia pi? maturo e coinvolgente del suo predecessore.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
Leave a Comment
post icon

Demo: Mis?re de la Philosophie, l’esordio

La band Mis?re de la Philosophie nasce a Piombino nel 2010 quando Sebastiano Taccola (chitarra e voce), Alessandro Dinetti (chitarra) e Tommaso Redolfi Riva (basso) si uniscono per dare vita a un nuovo progetto basato su una struttura musicale dalle forti tinte psichedeliche e acide. Le liriche, rigorosamente scritte in italiano, sono figlie del miglior cantautorato e rappresentano il vero punto di forza di questa compagine toscana.

Nel 2012, con l?ingresso di Luca Pesare (tastiere, cori, percussioni) e Andrea Muccetti (batteria), il gruppo trova il suo assetto definitivo e riesce a confezionare in breve tempo una decina di pezzi che daranno vita al primo album, ?Ka-meh? (pubblicato a gennaio 2014 da GarageRecords). Tante le influenze che emergono?da quest’ottimo esordio: dai The Velvet Underground agli Spacemen 3, per arrivare alle ombrosit? di Nick Cave & The Bad Seeds, il tutto contaminato da suoni garage-punk.??La peculiarit? della Mis?re de la Philosophie?, afferma la band,??? quel chiaroscuro animato da tensioni opposte che cattura e libera, scuote e rilassa?. Il nome del gruppo, ripreso da una famosa opera di Karl Marx, completa il quadro. Li ho visti all’opera dal vivo e vi assicuro che sono una formazione da tenere d’occhio anche per il futuro. Da segnalare ?Eresia? e ?Bobok? in visione su Arondeband.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
Leave a Comment
post icon

Demo: Sandro Nullo Vincenzoni Sainati

di Alessio Santacroce

Sandro Nullo Vincenzoni Sainati ? autore di brani, scritture e quadri che lo vedono attivo fin dalla tenera et?. Appassionato di avanguardie elettroniche, nel 1986 produce ?Musica di acqua?, la sua prima sperimentazione dedicata al compositore Cage. Studia attentamente l?inimitabile Demetrio Stratos, portando avanti un progetto che ha come scopo l’espressivit? vocale. Autore di cortometraggi e videoclip musicali del circuito underground livornese, fonda la tesi ?Elettronica Umana?, strutturando seminari di musico-terapia in svariate sedi toscane. Collabora con musicisti del calibro di Eugenio Sanna, Marco Lenzi ed ? aperto a tantissimi generi: dal jazz, alla black music, passando per la psichedelica, la classica fino?a sfiorare il?rock progressivo. Si fa conoscere col programma “Radio Utopia” e nell?agosto del 1995 inaugura l?elaborazione teorica Errorista, un connubio tra psicoanalisi e sconnessione simbolica verbale. Come compositore realizza oltre 100 dischi self-made, divisi tra colonne sonore e registrazioni in studio. Come pittore, invece, crea forme umane attraverso la tecnica del collage. Vive e lavora a Pisa ed ? l?ideatore della rassegna Pisa Improvvisa.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
post icon

Surfer Joe & Hiss Boss Combo

di Alessio Santacroce

Surfer Joe & His Boss Combo ? senza dubbio una delle?surf band?pi? attive al mondo. Lo spettacolo che mette in scena ? una miscela di brani originali e classici del genere, proposti in versione completamente strumentale. L?attitudine ? decisamente aggressiva, sia come suono che come presenza sul palco, talvolta addirittura vicina al rock pi? duro. Tutto ? rivolto alla potenza, ? incontrollabile come il?mare in tempesta, le onde, il surf. Il Boss Combo nasce dalle ceneri degli?Wadadli Riders, la precedente band di Lorenzo ?Surfer Joe?, che ? stata la prima surf??band mai formatasi ai Carabi con un’attivit? di touring che ha coperto parte dell?Europa e degli Stati Uniti.

La musica di Surfer Joe ? passata nelle mani del Boss Combo, riscoprendone le sonorit? con un accento ben pi? forte. Il risultato ? buono a tal punto che in poco tempo il gruppo realizza tour in Italia, Francia, Spagna, Belgio, Paesi Bassi e California. La band ? composta da Luca??e Lorenzo Valdambrini rispettivamente alla chitarra e all’organo, Tommaso Bandecchi al basso,??Francesco ?Togno? Tonarini alla batteria.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
Leave a Comment
post icon

Demo: Vostok, stoner alternativo

di Alessio Santacroce

I Vostok sono una band nata nel 2012 in provincia di Livorno con l?intento di formare un gruppo di musicisti affiatati anche sul piano umano. I membri fondatori sono Michele Amadori e Francesco Pasquariello, provenienti da una precedente esperienza insieme.?A loro ben presto si uniscono Danuz Passaro e Salvatore Ostenta. Le prime composizioni sono fortemente influenzate da band seminali come Foo Fighters, Them Crooked Vultures, Queens of the Stone Age, anche se le storie di vita abitudinaria tratteggiate nei brani hanno portato alla scelta stilistica di scrivere e cantare in lingua madre.

Dopo circa un anno, i Vostok si chiudono nel Blotch Recording Studio di Poggio Gagliardo (PI) per dare vita al loro omonimo album d?esordio composto da dieci tracce. Filo conduttore del disco (in uscita per Blotch Records/Audioglobe) ? l’abitudine: palliativo, ancora di salvezza e condanna della vita di tutti i giorni.??Vostok?, a partire dal 18 aprile, sar? disponibile in esclusiva streaming su Shiver Webzine.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
Leave a Comment
post icon

Demo: Riccardo Vernaccini, genio della sei corde

di Alessio Santacroce

Musicista, compositore, insegnante di chitarra, tutto questo ? Riccardo Vernaccini. Nel 2005 pubblica il suo primo lavoro strumentale, intitolato ?At last?, che riceve ottime recensioni da varie riviste del settore. Nel 2008 compare con un assolo di chitarra sull?album di Matt Capissi ?All the little things? e nel giugno del 2010 pubblica il suo secondo cd strumentale, ?Attracted to the moon”, una vera consacrazione internazionale che beneficia di ottimi riscontri sia da parte della critica che del pubblico, ottenendo passaggi su varie stazioni radio in Europa, Stati Uniti e Australia. Il 30 maggio del 2012 Riccardo ha l?onore di aprire il concerto del leggendario Michael Angelo Batio al Borderline Club (Pisa), un?esperienza indimenticabile per chi ama con tanta passione il suo strumento.

?Ricevere un complimento e sapere che ci sono persone che apprezzano il mio modo di suonare mi riempie di gioia. Quello che ho creato con la mia chitarra mi rende orgoglioso e mi sprona ad andare avanti.? Un vero talento della sei corde che su Arondeband ci regala un saggio della sua impeccabile tecnica.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
Leave a Comment
post icon

Demo: Autobam, sperimentazione elettronica

di?Alessio Santacroce

Oggi parliamo del progetto solista di Simone Lalli, gi? noto nell?ambiente musicale labronico come chitarrista e cantante del trio Flora&Fauna. Col moniker Autobam si dedica alla produzione di musica elettronica e sound design, pubblicando i suoi lavori su etichette europee come Unlabel e Beatpick. Parallelamente alla produzione musicale, collabora attivamente con visual designer e realizza progetti di sperimentazione audiovisiva: proiezioni, performance, installazioni e pubblicazioni su dvd. Grazie a queste sinergie partecipa a importanti festival italiani e internazionali come Onedotzero Adventures in Motion, Elektra Festival, Optofonica, Cimatics e molti altri ancora. Dal 2004 si lega a Leerraum (label e piattaforma per produzioni multimediali con base in Svizzera) e prende parte ad alcune installazioni sonore per il museo d’arte di Berna, tra cui Klangomat, in collaborazione con l’artista multimediale Zimoun. ?Slave Labor Ep? ? l?ultimo lavoro di Lalli (scaricabile da?autobam.net), masterizzato da Ivan Antonio Rossi allo studio?8Brr, ma c’? anche un nuovo disco in preparazione, “Sounds from Strata series”, un doppio vinile a 45 giri che uscir? per la londinese NLS records. Il 24 aprile Autobam terr? un concerto al Teatro C, un appuntamento da non perdere.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
post icon

Ambra Lunardi, la videomaker

di Alessio Santacroce

Oggi parliamo di una artista livornese che, anche se non suona, ha molto a che fare con la musica labronica.?Cresce respirando arte, fino ad approdare al corso di cinema musica e teatro della facolt? di lettere di Pisa. Nel 2005 vince la??Biennale dei giovani artisti dell?Europa e del Mediterraneo??e col video ?B/N? partecipa alla ?Biennale del cinema per la pace?. L’anno seguente si lancia in una nuova sfida e realizza per i BadLoveExperience il videoclip di??21st century boy?, proiettato in rotazione su Sky e Rocktv. Il brano entra anche a far parte della colonna sonora del film??La prima cosa bella??e riceve una candidatura ai David di Donatello come ?Miglior canzone?.

Visto l’ottimo esordio, seguono collaborazioni con numerosi gruppi livornesi (Jackie-O?s Farm, Silvereight, Mandrake, Piccoli Animali Senza Espressione, Bimbo), videoclip musicali che le fruttano una nomination come best videomaker ai primi Livorno Music Awards. ?Il mio quartiere? (in visione su Arondeband), ? la sua ultima fatica, un cortometraggio che racconta l’intera giornata di alcune persone comuni intrappolate nella propria realt?, in un modo talmente cieco e soffocante da renderle tutte vittime della propria esistenza. Come sempre un gran bel lavoro. La musica ? di Andrea Pachetti del 360 Music Factory Studio.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
Leave a Comment
2 aprile 2014