1 0 Tag Archives: recensioni
post icon

Demo: Frabolo firma per Discoplanet

di Alessio Santacroce

Torniamo a parlare del rapper nostrano Frabolo che, dopo dieci anni di autoproduzioni, arriva finalmente alla tanto agognata firma del contratto discografico. L?etichetta che gli ha dato fiducia ? la ?Discoplanet records?, fondata da?Sonny (Salvatore Schillaci) & Dj Sanny J (Santo Finocchiaro),.?che si occuper? anche della produzione del nuovo album, la cui uscita ? prevista per il??prossimo inverno. Intanto su Arondeband si pu? ascoltare??in anteprima il primo singolo di questo nuovo lavoro, ?Cantante italiano?, un brano come sempre irriverente che lega?beat dancefloor a un testo ironico e a tratti disincantato.Frabolo, al secolo Francesco Bolognesi, pu? vantare un curriculum di tutto rispetto: ha gi? realizzato molti videoclip, sei dischi, e compare in diverse compilation nazionali di musica indipendente.

L?album ?All’ Improvviso Vol.2? nel 2012 si ? piazzato al 5? posto dei dischi hip hop pi? venduti su iTunes nella prima settimana d?uscita, mentre E.P “Provinciale?, ha raggiunto 15.000 downloader in appena 15 giorni. Frabolo ? anche socio dell’Associazione Onlus “SuiPassidiAle” per la quale ha scritto la canzone ?Ci Sarai? dedicata a un bambino scomparso prematuramente per una terribile malattia. Un motivo in pi? per fare un grande in bocca al lupo a un artista sensibile e impegnato nel sociale.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
Leave a Comment
post icon

Demo: Simone Baggiani, la musica del mondo

di Alessio Santacroce

Inizia a suonare la chitarra all?et? di 16 anni ed ? subito attratto dal blues, un amore istintivo che gli consente di capire l?importanza dell?espressivit? e del ritmo. A Roma segue per alcuni mesi un corso di chitarra jazz-blues con Nico Stufano e intanto si mantiene suonando in strada, attivit? che pratica ancora con grande soddisfazione. In seguito studia chitarra acustica fingerstyle con Daniele Bazzani, chitarrista di calibro internazionale, e le tabla con Sanjay Kansabanik, che gli trasmette energia, gioia nel suonare, professionalit? e rispetto. Dopo queste esperienze, si interessa alla musica hawaiiana, ai poliritmi africani, al gypsy jazz manouche, al ragtime e alla musica indiana e araba. Nel 2011 forma un duo acustico con Marco Galli, ?DansLaRue?, e si esibisce nei festival di busking in giro per l’Italia. Nell?inverno dello stesso anno vola in India dove prende lezioni di chitarra slide indiana, seguite da un seminario intensivo con Bob Brozman. Nel 2013 conosce Ren? Lacaille, musicista de La Reunion, che condivide con lui ritmi e melodie di quell?isola. ?Camel? (in ascolto su Arondeband) ? il bellissimo singolo estratto da Roots, l’album d’esordio appena registrato al Poderino di Casale.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
post icon

Demo: I mostri di Carletto e i bei tempi di Goldrake

di Alessio Santacroce

Di solito su Demo non parliamo di cover band, ma questa volta facciamo uno strappo alla regola per I mostri di Carletto che, con la loro musica, ci riportano indietro nel tempo, agli anni spensierati di Goldrake, Daitan 3 e Gig Robot d?acciaio. Nascono nel 2013 da un?idea di Daniele Parenti (chitarra), Alessandro Giorgetti (basso), Luca Baluganti (chitarra), ai quali si aggiungono poco dopo Leonardo de Fusco (voce), Giancarlo Moretti, (batteria) e Giulia Barni (voce). A completare la formazione nel 2014 arriva anche la tastierista Elena Guidi. La band ripropone in chiave prettamente rock le sigle dei cartoni animati pi? famosi, come “Lupin“, che si pu? ascoltare su Arondeband. Simpatia e rock sono le colonne portanti della band livornese che di recente ha confermato la collaborazione con diversi cosplayers per arricchire lo spettacolo sul palco.

Lo scorso 30 maggio, durante la data all’Elvis Fan, ?I mostri di Carletto? sono stati premiati con una targa da Radio Incontro come band rivelazione del 2014. Intanto ne approfitto per ringraziare tutti i gruppi che hanno preso parte ai Livorno Music Awards 2014, un successo davvero sorprendente che ha dimostrato quanta attenzione ci sia in citt? per chi fa musica indipendente.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
Leave a Comment
post icon

Demo: D? Soda Sisters, agrifolk e semplicit

di Alessio Santacroce

Nascono nel 2011 a Rosignano Solvay facendosi le ossa sui palchi di piccoli locali e svariati festival. Il gruppo, tutto al femminile, predilige spazi contenuti per coinvolgere?il pubblico e farlo sentire parte integrante del concerto. Il loro repertorio si basa su vecchie canzoni anarchiche e popolari, stornelli da osteria, filastrocche rivoltose, serenate d?amore e?canti di lotta del passato. Una chitarra, un mandolino, una fisarmonica, cucchiai e grattugie varie, non serve altro per esibirsi. Quattro voci femminili intrecciate in un solo canto corale (orgogliosamente definito agrifolk) che le ha fatte conoscere al pubblico di numerose feste di paese e festival d’ arte di strada come il celebre Mercantia di Certaldo. Rosemary ? il furgoncino che le porta in giro, una vera e propria casa a quattro ruote per queste giovani donne unite dalla passione per la musica popolare e le cose semplici.

Se non avete mai sentito parlare delle D? Soda Sisters non perdetevi il loro concerto. Nella band suonano Sara Zilli (voce, mandolino, cucchiai), Benedetta Pallesi (voce, chitarra, kazoo), Veronica Bigontina (voce, tamburello, cucchiai, grattugia e nacchere) e Giulia Verani (voce e fisarmonica). Attualmente stanno registrando il nuovo album al Poderino di Casale.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
Leave a Comment
post icon

Demo: HILO, ?Rising Up & Rising Down?

di Alessio Santacroce

HILO nasce come progetto solista di Antonio Canestri. (ex?Mickey Kills Sushi) che?nel 2012, decide di dare concretezza al suo percorso artistico entrando in studio per registrare il primo EP, ?Not a city, not a name?.?Per questo lavoro?si avvale della preziosa collaborazione di alcuni giovani musicisti della provincia livornese come Davide Lelli (ex ?L?Orso? ed attuale trombettista dei milanesi ?The Please?) e Davide Crescenzi.?Il genere ? un folk acustico alternativo cantato in inglese, incentrato sulla voce scabra di Canestri e sonorit? pulite che guardano al passato.?Nel 2013 HILO si trasforma in una vera band?e l?anno successivo torna in studio per realizzare l?album d?esordio, ?Rising Up & Rising Down?, co-prodotto, registrato e mixato da Luca Piazza presso lo Zen Garden studio di Cassano D?Adda (MI).

?Il titolo dell?album ??affermano i componenti della band?- ? liberamente ispirato all?omonimo saggio di William T. Volmann ?Rising Up and Rising Down: Some Thoughts on Violence, Freedom and Urgent Means?. L?impianto grafico ? curato dall?artista Giulio Vesprini. Gli HILO sono: Antonio alla chitarra e alla voce, Davide L. alla tromba e alle percussioni, Davide C. alla chitarra e al basso, Andrea alla batteria. Su Arondeband si pu? ascoltare ?Blaze?, un brano che ti conquista lentamente, col suono ammaliante della tromba a farla da padrone. Sicuramente una delle band toscane da tenere d?occhio per il futuro.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
Leave a Comment
post icon

Demo: Marco Masoni, il Multiforme

di Alessio Santacroce

Marco Masoni ? un cantautore rock prog pop, nonch? bassista e chitarrista diplomato all?Accademia della critica musicale. Dopo 4 CD con i Germinale e molte compilations, nel 2014 sforna??il primo album solista, “Il multiforme” (sottotitolo: “Paesaggi catartici e operette morali”) pubblicato da Ams Records/Btf.?Il disco ? uscito in cd, vinile (in edizione limitata con un brano differente rispetto al cd) e digital download.Molto bello l?artwork dove si fondono i volti di Battisti, Beatles, Frank Zappa e Bob Dylan, cos? come la musica contenuta al suo interno, originale e ricca di contaminazioni, un perfetto connubio tra cantautorato e richiami prog. Da segnalare l?emozionante???Il treno temporale? che affronta il tema della morte, mentre su Arondeband ? in visione il videoclip??del primo singolo estratto dall?album,?Tutti in colonna?.

Arrangiato insieme a?Edoardo Magoni,?Il Multiforme?vanta collaborazioni con musicisti del calibro di?Maurizio Di Tollo,?Jacopo Giusti?e Lorenzo Ughi. Se volete provare a suonare i suoi pezzi, nel booklet trovate gli accordi sotto la voce ?il?canzoniere del multiforme?,?una parola inventata da Omero per l’Odissea, riferita ad?Ulisse.??Qualche anno fa mi defin? cos??Petra Magoni -?scrive Masoni?-?nei ringraziamenti di un disco dei?Musica Nuda?che aiutai ad organizzare artisticamente?.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
Leave a Comment
post icon

Demo: Shed Of Noiz, island’s mini tour

di Alessio Santacroce

Grande novit? in casa Shed Of Noiz, infatti, nell?ultimo weekend di maggio, la giovane formazione della provincia di Livorno sar? impegnata in un mini tour siciliano organizzato dalla Sinusite Records, etichetta che attualmente li promuove dopo la pubblicazione?in free download la riedizione di ?RE: SoN? (primo album ufficiale della band) con una grafica completamente rinnovata e una bonus track, ?Il Libro? (in ascolto su Arondeband), brano stoner cantato in italiano in puro stile SoN. Le date si terranno il 29 maggio al Sinusite Secret Show, il 30 maggio al Litania di Palermo, e il 31 maggio al Bands From Outer Space Fest, sempre nel capoluogo siciliano. Quest’ultima sar? la data pi? importante perch? vedr? la formazione toscana on stage come headliner nella quarta edizione del festival organizzato dall’etichetta palermitana nata nel 2010 da un idea del regista.musicista Duilio Scalici e Marco Gargiulo.?La band sta gi? lavorando al suo secondo album e quest’anno ha avuto l’onore di aprire il concerto dei The Fire al The Cage, dove sabato andr? in scena la seconda edizione dei Livorno Music Awards. Gli Shed Of Noiz sono Mattia Salvadori, Giulio Panieri, Luca Bicchielli, Dario ?Mario? Sardi.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
post icon

Demo: Marco Grassi, a tutta dance

di Alessio Santacroce

Oggi, a grande richiesta, per la prima volta apriamo Demo alla musica dance, e lo facciamo col dj Marco Grassi che pu? vantare pi? di duecento date in molti club importanti della nostra zona (Tenax, KamaKama, Capannina, SevenApple, 333Club London, Spazio900 Roma). Ha prodotto brani ed Ep per varie label, come le inglesi Maskik rec. e Convert rec., la rumena Bedroom rec., l’italiana Lapsus music, e ha creato con alcuni soci il collettivo musicale Brother’s, composto da quattro dj/producers di assoluto spessore. Attualmente ? in attesa dell?uscita di ?Back to the underground?, un singolo prodotto con la collaborazione dell’amico e socio Enrico Rossi, prevista a giugno per la celebre Sun Generation rec. Marco ? anche il fondatore di una label indipendente (su idea di MarcoKey), la Animal Code rec, attiva sui vari portali di vendita on-line di musica dance elettronica, indispensabile per dare spazio a un gran numero di giovani artisti che fanno di questo sound la loro ragione professionale. Su Arondeband si pu? ascoltare?l?ultima fatica targata Grassi-Key, pubblicata nel 2014 su Bedroom rec, un brano a cui i due dj tengono particolarmente perch? dedicato alla memoria dei rispettivi padri.

Cliccate a questo LINK per ascoltare i brani di Marco Grassi.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
post icon

Demo: Stato brado, ?Vecchio Diavolo?

di Alessio Santacroce

Novit? in casa Stato Brado, ? appena uscito il nuovo Ep ?Vecchio Diavolo?, realizzato grazie al premio ricevuto al Red Contest, il concorso per band emergenti organizzato dall’Associazione Politico Culturale ?La Rossa? in collaborazione con Phonarchia Produzioni. Il lavoro ? stato registrato in presa diretta da Nicola Baronti presso il White Rabbit Studio Hole di Peccioli, in soli due giorni e senza troppi estetismi sonori, in puro spirito busker.?Lo stile ? sempre un folk blues cantautoriale contaminato da diversi generi, vera specialit? della casa. Particolarmente riuscita la opener ?Oscura e la notte? (in anteprima su Arondeband), una canzone caratterizzata da suoni western e dal sapore vintage.?A breve ? prevista anche la realizzazione di un videoclip che accompagner? la titletrack. Ma non ? tutto qui, la band labronica sta lavorando a un brano inedito che far? parte di una compilation prodotta dalla cooperativa Blu Cammello, e per l?estate continuer? a scrivere nuovi pezzi che faranno parte del secondo album.?Gli Stato Brado sono Moreno Guida (Voce, chitarra, armonica), Nedo Raglianti (basso), Alessandro Guida (batteria e percussioni), Dario Vannozzi (sax tenore) e Gianluca ?Fagiuolo? Lunardi (chitarra).

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter
post icon

Demo: Fuochi di Paglia, M?nage ? trois

di Alessio Santacroce

Il progetto Fuochi di Paglia nasce come trio nel marzo del 2011, alimentato da incontenibili tormenti esistenziali e pittoresche suggestioni rurali covate in angoli reconditi della provincia toscana.? Questo ? il biglietto da visita di una band??che si propone come fautrice del cantautorato viscerale e che nel 2012 incide ?Del carciofo?e di altre storie?, un breve ma intenso Ep in cui l?eterogeneit? delle tracce la fa da padrone. Grazie al fondamentale apporto di questo lavoro l?attivit? live del trio si intensifica a tal punto da progettare, con Matteo Guasti (Labella Studio), la registrazione dell?album d?esordio. Nel maggio del 2013 i Fuochi di Paglia entrano in studio per concepire?M?nage ? trois, coproduzione che vede la luce a dicembre dello stesso anno. Le canzoni parlano di precariet? esistenziale e lavorativa, di amore, di una generazione che, frastornata dalla tecnologia ridondante, sembra non voler crescere mai. E? questo lo scenario sul quale si muovono le incisive linee di contrabbasso di FuocoC e le coinvolgenti fantasie percussive di Fuoco S, fondendosi con la variet? armonica della chitarra di Fuoco G, un vero e proprio m?nage ? trois. Uno scherzo del destino vuole che ad agosto 2013 il trio diventi quartetto.

  • del.icio.us
  • Digg
  • Diigo
  • Facebook
  • FriendFeed
  • Google Bookmarks
  • Tumblr
  • Twitter