post icon

Le vostre idee per il futuro

Nel 2032 l’uomo sbarcher? su Marte e alla missione prender? parte anche un’azienda livornese. Su cosa deve puntare la citt? nei prossimi 20 anni? La domanda ? rivolta a tutti i lettori: rispondete scrivendoci a livorno2032@iltirreno.it (massimo 500 battute) oppure con Twitter usando l’hashtag #livorno2032. Nel corso di queste settimane chiederemo la stessa cosa ad alcuni livornesi illustri, pubblicando di volta in volta le loro idee per il futuro con una video-intervista (guardale tutte).
Questo blog ? collegato all’iniziativa del Tirreno “Memorie per il futuro”, 20 fascicoli in regalo col giornale da domenica 15 luglio.

Questo post è stato scritto da: La redazione

49 commenti

Lascia un commento
  1. Stefano
    20 luglio 2012 a 13:04 #

    Per far rivivere Livorno bisogna farla diventare turisticamente appetibile, quindi:
    1) Un porto turistico per Yacht, molto vicino al lungomare
    2) Casin? all’interno del Hotel Palazzo, con una percentuale delle giocate che va al Comune per migliorare livorno e tenere bene il lungomare.
    3) Fare fermare i turisti delle navi da crociera almeno un giorno a Livorno
    QUESTE SONO COSE POSSIBILI

    1) Cambiare la mentalit? dei Livornesi che stanno sul lungomare, che vogliono una bella Livorno, ma che non vogliono la confusione.
    2) Cambiare la Politica di Livorno aprendo la mentalit? anche ad altre possibilit? di vita, pi? ricchezza per Livorno, pi? servizzi per i Livornesi.
    QUESTE SONO COSE IMPOSSIBILI

    • Mauro
      8 agosto 2012 a 17:06 #

      Ormai ? sotto gli occhi di tutti che Livorno sta morendo.
      L’unica cosa da fare ? cambiare integralmente tutta la classe politica dirigente(maggioranza e opposizione),ma forse anche questo potrebbe non servire perch? al suo posto verrebbe una nuova generazione uguale alla precedente. E allora che fare? Sperare nella Madonna di Montenero,

    • andobaldo
      23 agosto 2012 a 15:04 #

      Sono d’accordo su quasi tutto ci? che dici, tranne il punto 1 delle cose impossibili.
      La mentalit? da cambiare non ? solo di quei livornesi che abitano sul lungomare, ma quella di tutti quei livornesi (purtroppo la maggioranza) che pensano che con la cosa pubblica si possa fare ci? che gli pare, che se vedono una scivolo per gli handicappati pensano ad uno scivolo per parcheggiare l’auto sul marciapiede, che sono pronti a criticare chi sporca per terra ma poi sono i primi a farlo, che se protesti perch? non si sono fermati ad uno stop ti mandano a quel paese convinti di aver ragione, che con un’auto sono convinti di poter andare e parcheggiare dove vogliono, per non parlare di quelli che ci amministrano convinti della vocazione turistica della citt? ma poi manutengono le strade come in Birmania e lasciano Via Grande in uno stato pietoso.
      Potrei continuare all’infinito ma penso di non avere lo spazio necessario.
      Non sono molto fiducioso.

    • paolo
      4 settembre 2012 a 10:58 #

      caro stefano , hai scritto mollte volte piu questo piu quest’altro. ma tu quannto sei disposto a dare di piu per la tua citta ? credi forse che ci amministra non abbia idee,e che non veda ci? che bisognerebbe fare. il problema ? uno solo, chi paga ?
      come trovare risorse questo ? il dilemma le risorse.

  2. manu
    21 luglio 2012 a 07:01 #

    levarsi dalle palle la sinistra…a livorno sono decenni che fa danni…il porto non va..il turismo non sanno nemmeno cosa vuol dire..la citta ? degradata…alcune zone del centro piazza repubblica via terrazzini zona bronx in mano a stranieri..

    • paolo
      4 settembre 2012 a 11:06 #

      ? giusto criticare il comune se niente funziona,ma che dire del tuo governo fascisti che ha distrutto l’italia.il berlusca aveva fatto il contratto con l’italiani,e aveva promesso un milione di posti di lavoro, forse voleva dire disoccopati. mio caro oggi non ? piu una questioni di colore, ma di onest?, e sinceramente ne vedo sempre di meno.

    • guido
      19 settembre 2012 a 08:54 #

      Via la classe dirigente sia in Comune che in Provincia cosi come al Senato e alla Camera

  3. Sergio Tobia
    22 luglio 2012 a 08:45 #

    Attenzione al problema pi? grave: Livorno st? invecchiando. Gi? adesso (fonte IRPET) i ventenni sono circa 16000 contro i circa 21000 settantenni. Se si va di questo passo in vent’anni il “motore propulsivo” sociale, cio? la fascia tra i 30 e i 70 sar? di 94000 unit? e dovr? “sobbarcarsi” la crescita e la vecchiaia di 105000 persone. Adesso siamo a 114000 contro 86000, ed ? gi? allarme rosso.
    Per riportare le cose a posto dobbiamo portare (o riportare) a Livorno 15000 under40 in 10 anni. Altro che Marte, altro che rosso o verde. Davanti abbiamo la morte sociale e la fame.
    Mi collego a Ricci: Porto (merci e turismo) Nuova Cultura (Universit? Livornese – Studi Sociali, Economia/Mare, Sport/Medicina – Musica/Arte) ma aggiungo Professioni, Livorno era principe per le scuole profesionali e i livornesi da sempre sono ottimi carpentieri, saldatori, impiantisti quindi Campus delle delle Professioni, gestite dalle associazioni di categoria (e quindi normative, laboratori etc …). Abbiamo spazi e risorse, manca l’audacia politica, mancano coraggio e speranza. Abbonda solo la furbizia del vivere sulle spalle degli altri!

  4. giuseppe deidda
    23 luglio 2012 a 11:27 #

    Il primo problema ? il lavoro collegato immediatamente al problema casa. Quindi patto tra istituzioni, imprenditori, scuola, perch? senza lavoro e senza un tetto ad un affitto contenuto non si va da nessuna parte: non si mette su famiglia, non si fanno figli.

    Come secondo aspetto Livorno deve puntare sulla “bellezza” e sulla “cultura”, due concetti strettamente collegati tra di loro e mi spiego meglio:
    A Livorno bisogna realizzare cose belle, molto belle e poi avere la cultura per amarle, rispettarle e farle rispettare. Alcuni esempi: La Fortezza Nuova, ? indecente tenerla chiusa, ? un polmone di verde nel centro citt?, ha molti locali alcuni dei quali potrebbero essere assegnati ai vigili urbani (sorveglianza), altri ad una coop. di giardinaggio (manutenzioni e pulizia), altri alle innumerevoli associazioni culturali cittadine, impegnandole al rispetto, al miglioramento, all’abbellimento dell’esistente.
    Il quartiere Venezia da pedonalizzare, rendere bello nelle pavimentazioni, rendere accessibili le cantine.
    Valorizzare il monumento dei quattro mori con un marciapiede lastricato di rispetto, panchine d’intorno, fioriere e potatura degli attuali alberelli che ne impediscono la piena visione.
    Manutenzione continua e abbellimento del lungomare.
    Piste ciclabili da ampliare in tutta la citt? e perfezionare.
    Manutenzione adeguata e abbellimento della Fortezza Vecchia.
    Progetto di risistemazione complessiva della Rotonda di Ardenza.

    Politiche di accoglienza, integrazione, amicizia e scambio con tutte le comunit? extracomunitarie.

    Sarei d’accordo con la metropolitana di superficie.

    • Steve
      24 luglio 2012 a 00:28 #

      Boia te l’immagini la metropolitana di superficie gestita dall’ATL? Si sta freschini…

  5. Lorenzo
    26 luglio 2012 a 10:23 #

    Primo: recuperare terreno a livello produttivo. Con porto (coordinare con GE, SP, ecc.), aeroporto, ferrovia (potenziare), autostrada ci sono le basi per far funzionare un comparto industriale decente (che c’era e che ? stato fatto morire a favore di un bel bollone edilizio che ha arricchito ulteriormente cinque famiglie). Fatto ci?, investire sensatamente i soldi per aumentare il grado di attrattivit? della citt?. Fortezze esibite come gioielli; orgoglio per la nostra storia multiculturale (per esempio: visite guidate alle chiese armena, greca, olandese… ah no, quella crolla); turisti all’imbarco/sbarco che vengono indotti a fermarsi un paio di giorni in citt? (anzich? vagare come anime morte all’alba dalle parti di Stringi Stringi dentro auto zeppe di bagagli mentre disperati cercano gli invisibili cartelli per l’imbarco); meno escrementi di cane a giro; qualche scontrino fiscale in pi?. Evitare i soliti sprechi, tipo l’Universit? (ce ne sarebbe una prestigiosetta a un quarto d’ora di treno – se i treni funzionassero) o le metropolitane di superficie (basterebbe un trenino Antignano-Ardenza-Porta a Terra/Centrale-Marittima con bus in coincidenza: c’? gi? tutto, basta pulire), specchietti per le allodole da campagna elettorale, inutilit? megalomani per una citt? di 160.000 abitanti (piuttosto sarebbe meglio ragionare in termini di area vasta LU-PI-LI, sempre se i treni funzionassero).

  6. Jacopo
    27 luglio 2012 a 12:38 #

    Raderla al suolo e falla nova!

  7. roberto
    30 luglio 2012 a 09:28 #

    Livorno ha rilevanti punti di forza e enormi potenzialit?. Queste cose sono conosciute, ma negli ultimi anni la citt? si ? solo attrezzata per difendere piccoli interessi locali (politici, economici, famigliari, etc) e non appare in verit? interessata a nessun cambiamento che implichi rischi e sacrifici. In pratica ? una citt? bloccata che purtroppo non da spazio a veri cambiamenti, uccide le opportunit? per i giovani (ideologiche ed economiche) e non coglie nessuna delle opportunit? moderne. Questa che potremmo chiamare “dolce chiusura” non ha prodotto nemmeno idee di sviluppo alternative ai temi classici della nostra societ? economica, in pratica Livorno non si allineata alle opportunit? dell’economia moderna, ma nemmeno ricerca alternative concrete e credibili per mancanza di leader capaci di guidare processi innovativi. Per un cambiamento non bastano idee ci vogliono gli uomini e le idee giuste INSIEME, ? un insieme di cose che a Livorno purtroppo manca da troppo tempo. E questo cambiamento sono convinto che nessuno che conta in citt? oggi in verit? lo vorrebbe! Questa rottura sul passato e sul presente potrebbe essere la vera generatrice di sviluppo per la citt?. Dunque partiamo da un progetto sulle persone e sul mandato da affidare a queste persone. Voglio dire cerchiamo uomini all’altezza(se non sono qui andiamo altrove a prenderli) e diamogli un mandato con obiettivi chiari e senza tutti i legacci e legacciuli che piacciano tanto a noi toscani, ci formuleranno loro una piano di sviluppo da condividere con la citt? (non con i soliti ignoti/noti). Per un periodo limitato di tempo saranno i nostri governatori! se ce la sentiamo questa ? una vera via di RINNOVAMENTO che deve essere accettata a monte dalla Regione!

    • monica
      1 agosto 2012 a 11:58 #

      Basterebbe iniziare dalle piccole cose.
      La cura delle aiuole, ad esempio.
      Con tutte le citt? in cui ho vissuto, una roba cos? degradata non l’avevo mai visto.
      Sporcizia a profusione, topi ovunque, spazzatura fuori dai cassonetti che manco a Napoli.
      Imporre la cultura della civilt? e tutela del proprio patrimonio comunale a suon di multe, ed al diavolo se, per qualche tempo, si vivr? come in un’arena. Ottimizzare il servizio autobus, dare incentivi all’uso dello stesso. Non disperdere fondi negli abissi stile Odeon, che fanno solo la fortuna di qualche capataz senza scrupoli. Un’oculata amministrazione che dia e tolga alla bisogna in un clima di serena collaborazione :)
      Uh? ho come l’impressione di chiedere troppo :)

  8. del rio miriano
    2 agosto 2012 a 12:00 #

    Io vedo un grande porto da Livorno a Pisa che diventi il polo del mediterraneo che fa squadra con l’areoporto e le ferrovie in modo da riempire i vuoti di mano d’opera lasciati dall’industria che tra alcuni anni non sar? pi? presente in Italia ed in particolare nella nostra zona.

  9. Nicola
    2 agosto 2012 a 12:04 #

    Ovviamente la politica della citt? ? sorda alle sirene delle immense navi da crociera che sovente sbarcano a Livorno. I turisti prendono gite organizzate verso altri luoghi ( Firenze e Pisa in primis) . Ma i turisti sono voraci e si fermerebbero anche a Livorno se ci fosse qualcosa da offrire , qualcosa di semplice da raggiungere e servizi aggiunti. Livorno ? spettrale. Dopo le 20:00 tutto si ferma . Tutto ? chiuso e le vie del centro incutono terrore al turista. “”Col cavolo che passerei sotto quel porticato”” sarebbe il pensiero di ognuno di essi guardando Via grande dopo le 20:00. Non esistono piste ciclabili valide, servizi di noleggio immediato e l’unica scelta rimane evadere da Livorno. Chi prova a rimanere trova solo desolazione…..ed ? un gran peccato per una citt? che storicamente ? stata il crocevia di infinite culture. Ovunque giri nel mondo anche il sasso pi? insignificante ? un reperto da visitare (almeno cos? abilmente viene “venduto”) . Rispetto alle culture celtiche, la fortezza vecchia sembra poco pi? di uno di quei sassi.

  10. ITALICO
    2 agosto 2012 a 20:51 #

    Secondo me il problema pi? grosso di Livorno sono i livornesi!

  11. mauro
    6 agosto 2012 a 01:30 #

    Innanzitutto un nuovo piano di viabilit? che preveda, oltre alla chiusura al traffico del centro – nonostante il parere sfavorevole dei commercianti di via Grande che non sanno quanto ? comodo andare a fare shopping con l’autobus/bici/a piedi: provare per credere! Istituire nuovi sensi di marcia , sensi unici e divieti di fermata e sosta in alcuni punti strategici della citt?. Credo che questo sia un punto da cui partire per ridare fiato e aria pi? pulita a Livorno, sempre pi? “invasa” da turisti che talvolta rischiano persino la vita per attraversare la strada. In sostanza una nuova cultura del modo di vivere per rispettare se stessi e quindi gli altri. Perci? bisognerebbe iniziare ad insegnare e diffondere pi? senso civico e rispetto per le cose e beni comuni. Nella speranza che questi insegnamenti possano iniziare gi? nella pi? tenera et? e continuare per tutta la vita (lifelong learning).

  12. fabrizio filippi
    6 agosto 2012 a 06:30 #

    Dice bene Italico,purtroppo a Livorno il vero problema sono i Livornesi. Non dimentichiamoci che fino a poco tempo fa’ la stragrande maggioranza era comunista. Poi hanno smesso di esserlo,non perche’ hanno maturato un personale convincimento, ma solo perche’ qualcuno glielo ha detto.

  13. luca baldini
    6 agosto 2012 a 22:15 #

    Le prime cose che devono essere fatte a Livorno sono le seguenti:

    Pulizia totale delle strade e dei cassonnetti spazzatura
    Rifacimento marciapiedi
    Trovare una soluzione per tutti gli ubriachi e barboni che ormai invadono la citta’

    Un vero Porto Turistico

    E che gli attuali amministratori vadano una volra per tutte a casa… Anzi a lavorare.

  14. giacomo
    9 agosto 2012 a 07:03 #

    Livorno suo malgrado dovrebbe nel futuro accogliere diversi Toscani che preferirebbero la citta Labronica all’umidiccio di Firenze Arezzo ecc ecc … All’inizio per i Livornesi potrebbe essede dura ma poi la situazione migliorerebbe gradualmente …

  15. fabrizio filippi
    12 agosto 2012 a 09:49 #

    Livorno ? cosi’ com’?,perche’ chi ha gestito il potere in citta’ ,ormai ininterrottamente da circa 70 anni,ha voluto che cosi’ fosse. E i Livornesi hanno accettato questo stato di cose,ripetendo con il voto,non solo una certa ideologia, ma anche che certe persone rimanessero alla guida del Partito.Perche’ si puo’ sposare anche una ideologia (siamo in democrazia!), ma le persone che la interpretano possono essere anche molto diverse tra loro!! Guarda Bologna, Rimini,Riccione ,Cattolica.Comunisti ,o ex comunisti, ma creativi ,dinamici,pragmatici, innovativi. A Livorno invece,i dirigenti (senza idee) ma solo muniti dell’ideologia, hanno ridotto questa citta’,(e i livornesi) una larva. E che i Livornesi siano ormai una larva, lo dimostra il fatto che continuano (almeno fino ad ora), ad andare avanti (si fa per dire) nello stesso modo.

    • fabrizio filippi
      12 agosto 2012 a 10:05 #

      Ho usato volutamente toni forti,ma vedrete nessuno rispondera’, o pochi individui, e probabilmente con argomentazioni sterili.E sara’ (purtroppo lo dico con dolore perche’ sono un livornese anch’io), l’ennesima dimostrazione, di come questa citta’ sia ormai cotta. E chissa’ per quanto tempo ancora.

  16. roberto
    12 agosto 2012 a 18:49 #

    vivo all estero e quando la gente mi chiede di dove sono, di livorno conoscono solo il porto,
    perche sicuramente hanno preso il traghetto per qualche isola!!!!!
    e’ tanto facile, Livorno ha tantissimo da offrire….. mare stupendo, mangiare buonissimo, gente meravigliosa,e sopratutto MODIGLIANI, MASCAGNI un tour nell accademia navale, musei, effetto venezia ben pubblicizzata……..
    per non parlare poi della provincia, A 15 minuti ce collesalvetti un paese che non e’ mai stato scoperto, con una immensa storia della famiglia medicea.
    secondo la mia opinione, gli abitanti e il comune devono crederci di piu al valore che puo avere una citta come livorno se pubblicizzata e organizzata a suo dovere.
    ricordatevi che gli stranieri pur di vedere qualcosa di storico come ‘modigliani”farebbero km e km pur di vederlo.

  17. elena
    15 agosto 2012 a 02:01 #

    io lascerei PISA, la citt? ? sempre piena di TURISTI per le SUE bellezze, importante per le UNIVERSITA’, per i suoi Uomini Illustri, etc…
    Livorno ? una citt? marittima, non ha niente da far veder,? rozza come la gente che vi abita

  18. marco
    16 agosto 2012 a 13:43 #

    Per salvare livorno dovremmo mandare a casa tutta la port autority che ha distrutto l’economia del porto ed il sindaco con tutta la giunta che non fanno il loro lavoro…dovremmo puntare sul turismo crocieristico ma lasciamo i negozi delle vie principali chiusi…mandiamo a casa pure chi si occupa di assegnare case popolari a chi ha finti requisiti….quanti macchinoni si vede a shangai.che ci vuole a vedere chi li utilizza giornalmente?

  19. claudio
    16 agosto 2012 a 14:55 #

    Puntare sul turismo abbellendo la citta’,piu verde,piu alberi,meno colate di cemento armato e palazzi “cubo di cemento” tipo porta a terra,pulizia TOTALE delle strade urbane ed ancor piu periferiche extraurbane, Calambrone-via di popogna -via degli acquedotti etc…sono discariche CIELO APERTO.Mettere in preventivo queste maggiori spese per la pulizia e farle pagare ai cittadini.Se siamo sudici e bene che si paghi per ripulire

  20. fabio
    16 agosto 2012 a 16:02 #

    prima cosa, il lavoro…eravamo i primi in toscana per l industria,adesso se ne sono andate quasi tutte l imprese, puntare sulla nautica, creare concorrenza tra centri commerciali in modo di far abbassare i prezzi, infatti fare la spesa a pisa che ha 4 grossi marchi la spesa costa molto meno, sistemare la viabilit? eliminando i semafori e mettendo le rotatorie, vedi anche qui pisa, non esiste pi? un semaforo,creare per la viabilit? ove possibile corsie preferenziali per autobus,puntare sul turismo sfruttando meglio i viali a mare con attrazioni per i turisti, magari d estate anche concerti al palasport o stadio…insomma creare tante iniziative per sfruttare una citt? di mare,ma allo stesso tempo migliorare ci? che ha di gi?…. vedi anche le fortezze ove si potrebbe fare tipo firenze quando fanno diverse manifestazioni di prestigio dentro la fortezza da basso… cose per l artigianato, mostre, in modo di attirare la gente da tutta la toscana.

    • fabio
      16 agosto 2012 a 16:03 #

      un altra cosa le navi da crociera vanno ospitate in bel terminal crociere e attrarre le pi? grandi navi e no farle andare via come far? la costa crociere…

  21. mirco
    17 agosto 2012 a 15:38 #

    L’Assessore alla cultura non s? che l’estate a Livorno non finisce con “Effetto Venezia”, ma continua per Noi, livornesi a settembre e spesso anche a ottobre. Ma, i turisti cosa ci vengono a fare a Livorno?
    Assessore vuole fare qualcosa per queste migliaia di persone che girano per la citt? a vuoto?
    E’ ha conoscenza che Noi livornesi, siamo tutti e tutte artisti? Mi viene il bubbio che Lei non ci conosca, Lo s? che a Livorno ci sono decine di complessi e band che suonano musica sopraffina e quasi sempre senza chiedere un euro. Mi era piaciuto quando ha avuto la brillante idea di utilizzare il gazebo della terrazza Mascagni per una settimana, mi sono detto, vuoi vedere che finalmente si sveglia qualcosa? Invece era successo solo per caso, tutto ? finito l?. Non sarebbe meglio utilizzare il gazebo della terrazza Mascagni tutto l’anno? Non sarebbe meglio far suonare le band in citt?, all’attracco delle navi oppure quando scendono i turisti, non sarebbe un bel benvenuto? Vi costerebbe quasi zero.
    Un piccolo palco in piazza della Repubblica tutto l’anno e anche in altri posti, i complessini farebbero a gara per salirci sopra.
    Il 30 luglio per la notte bianca sono andato in citt? ed ho ascoltato della buonissima musica in via Grande. Suonava una band a me sconosciuta ma molto bravi che con la loro musica trascinavano centinaia di persone e c’erano anche i turisti. Questa ? stata una buona idea, continuate per favore e non vi addormentate come fate sempre.

  22. Paolo
    17 agosto 2012 a 19:00 #

    Basterebbe fare piccole cose. Un esempio,Livorno citt?, possiede un lungomare invidiabile per qualsaisi citt?. Se un livornese o un turista volesse farsi un bagno senza dover prendere l’auto per andare a Nord o a Sud ma usando mezzi pubblici o la bicicletta,e senza andare in bocca (pagando) ai cosidetti Bagni (veri e propri pollai umani) si troverebbe tra scegliere, tra gli scogli dell’Accademia,e il lungomare che va dalla Rotonda d’Ardenza al Nencini. Due ubicazioni naturali,lasciate oggi al pi? totale degrado,
    su cui, con pochi investimenti, (specialmente all’Accademia con una spiaggia larga 30 o 40 metri parallela a tutta la lunghezza del parapetto, dai Bagni Fiume fino all’Accademia, con dei pontili sopraelevati per raggiungere il mare lasciando intatto l’ambiente marino sottostante, prevedendo il noleggio, per chi vuole, di sdraio e ombrelloni con i servizi annessi dando lavoro anche a un buon numero di giovani e altettanto pi? a Sud prevedendo magari delle protezioni Frangiflutto) si potrebbe permettere a tanti cittadini (specialmente anziani, con difficolta di movimento)di accedere gratuitamente a posti meravigliosi. Capisco che un amministrazione che proponesse una cosa simile, si troverebbe a dover dire parecchi No, ma a distanza di pi? di 50 anni di potere della cosidetta Sinistra si potrebbe avere il coraggio di provare.

  23. joe
    18 agosto 2012 a 00:56 #

    Livorno porto franco

  24. andrea
    19 agosto 2012 a 18:47 #

    fare parchi acquateci, e buttare giu i bagni per accedere al mare fare strutture turistiche che private….

  25. PAOLO
    21 agosto 2012 a 14:01 #

    idee ce ne sarebbero e anche molte. con costi minimi e realizzabili nel brevissimo periodo. non mi riferisco infatti a mirabolanti dragaggi terminati nel 2030 ma a tantissime azioni che potrebbero dare occupazioni a questi giovani ormai alla deriva.
    Siamo alle solite. Il problema come detto da altri siamo noi. Ad ognuno quel che si merita. E noi questa Amministrazione ce la meritiamo tutta!
    Alla gestione della cosa pubblica bisogna mettere gente in gamba. gente competente. gente che sappia cosa vuol dire fare un bilancio, gestire e allocare risorse. Propio come un manager aziendale. persone che abbiamo viaggiato e che sappiano come funzionano le cose altrove. che abbiano spirito d’iniziativa, lungimiranza e competenza. non degli improvvisi!
    ALLE PROSSIME ELEZIONI VOTIAMO IL CURRICULUM NON LE CHIACCHIERE! RICORDATEVELO!

  26. Alessandro
    26 agosto 2012 a 17:58 #

    Vediamo, per cominciare rinnoverei un po’ il parco menti, cambierie i vertici di: Polizia Municipale, AAMPS, ATL.
    Poi istituirei un meccanismo per cui ogni cittadino puo’ commentare qualsiasi cosa a proposito delle scelte fatte dall’amministrazione comunale e non solo, e anche un meccanismo propositivo per cui puo’ proporre e non solo reclamare. Inoltre farei un bel sito con nomi e cognomi ed email di tutti i dirigenti RESPONSABILI di ogni cosa a Livorno, c’? troppo scarica barile oltre che incompetenza.
    Aprirei poi le porte alla concorrenza per far si che i lavori non vengano sempre eseguiti dalle solite ditte.
    Intensificherei i controlli sul decoro urbano, i vigili faranno pure multe recordo per parcheggi ma per il resto NON FANNO UN C…APPERO. Vorrei poter licenziare qualsiasi dipendente pubblico che non fa il suo lavoro e che lo stesso faccia una relazione dettagliata di cosa ha fatto durante l’anno (per meritarsi il suo stipendio).
    Per il resto considero che di questo passo Livorno se non cambia mentalit? e amministrazione comunale, diventer? la Napoli della Toscana.

  27. bruno
    30 agosto 2012 a 11:48 #

    ho lavorato diversi anni a Livorno negli anni 80, lo scorso anno volevo fermarmi un paio di giorni con mia moglie per farle vedere dove lavoravo e come vivevo. Devo riconoscere che Livorno negli anni 8o era una citt? felice almeno dal mio punto di vista dove si viveva bene,ho trovato una citt? caotica e confusionaria,addirittura mi ? arrivata una multa per essere transitato in una strada dove non dovevo, Se Livorno pensa di rilanciarsi spolpando turisti si sbagliano. per me di Livorno mi rimarr? il bel ricordo degli anni 80.
    grazie per questo sfogo

  28. Sara
    30 agosto 2012 a 12:45 #

    Livorno sarebbe una citt? a misura di uomo, di famiglia, di bambino…sta diventando grigia, sporca, inquinata e sembra che a partire dalle istituzioni ai cittadini stessi non ci sia interesse minimo per mantenerla pulita, vivace e piena di allegria, come mi veniva descritta quando ero piccola…Livorno dovrebbe puntare sull’ ECOLOGIA in questi venti anni, dovrebbe essere innovativa nel campo delle energie rinnovabili: abbiamo il mare, abbiamo il vento, abbiamo il sole; potremmo essere un bell’ esempio per l’ Italia intera…dovrebbe puntare sulla pulizia, sulla riduzione delle auto, sull’incentivare i cittadini all’ uso delle biciclette (ovviamente facendo piste ciclabili!!)…Livorno sarebbe perfetta….anzich? fare rigassificatori, discariche, o centrali a biomassa, potrebbe educare VERAMENTE i cittadini alla raccolta differenziata, al RICICLO ed al RIUTILIZZO delle risorse…che bell’ esempio sarebbe…..basterebbe volerlo…basterebbe mettere da parte il desiderio di interesse personale…ecco, penso che in questi venti anni DOVREMMO puntare sull’ ecologia….semplicemente per vivere meglio…

  29. Marina
    31 agosto 2012 a 08:27 #

    Da diversi anni ormai il motore di sviluppo delle citt? ? ”l’indutria del turismo”. Per quanto riguarda questo settore a Livorno, credo che gi? con il progetto di riqualificazione della porta a mare si far? dei passi avanti. Se davvero diventer? un centro polifunzionale come scritto nel progetto, in cui ci saranno negozi, ristoranti, residenze, ecc ecc, non solo la citt? avr? un’aspetto pi? gradevole ed ”invitante” per i turisti, ma ci sar? anche un aumento dei posti di lavoro.
    Un’altra cosa importante da fare per incentivare i turisti a restare sarebbe incrementare le zone pedonali della citt?, soprattutto per quanto riguarda il centro storico. Camminare nello smog, con le macchine, non ? piacevole per nessuno. Tutte le citt? storiche e turistiche hanno centri pedonali, perch? noi no? Anche i negozi del centro riacquisterebbero valore. I centri commerciali funzionano anche perch? sono aree in cui si pu? passeggiare tranquillamente (oltre al servizio dei parcheggi e il fatto che siano coperti), ma il fascino del centro cittadino, quello non lo avranno mai. Perch? non puntare su questo fascino?
    Questo intervento per? non pu? essere attutato da solo, poich? necessita di un buon sistema infrastrutturale alternativo a quello degli automezzi. Aumentare le piste ciclabili, e perch? no una tranvia? A Firenze ? stata inizialmente molto criticata, ma ora funziona bene ed ? molto sfruttata dagli abitanti, ogni cinque minuti ne passa una! Gli autobus non bastano, ci vuole un mezzo pubblico che sia veloce, puntuale e soprattutto frequente (in alcuni punti della citt? un’autobus non passa prima di 20 minuti da quello precedente…se poi consideriamo i ritardi…) E poi gran parte del percorso sarebbe gi? tracciato dalla vecchia linea Ferroviaria Pisa-Tirrenia-Livorno che arriva fino a Barriera Margherita e che attraversa la citt?. Il collegamento diretto stazione ferroviaria-mare favorirebbe anche il turismo balneare.
    Ci vorrebbero anche dei parcheggi nei dintorni del centro, alcuni ci sono gi?, come quello della piazza del palazzo del governo. Pagare il parcheggio e avere incluso, o a prezzo ridotto, il biglietto di autobus e tram invoglierebbe i cittadini a posare la macchina. Altri interventi dovrebbero riguardare la riqualificazione di alcune aree e architetture storiche della citt?. La pi? eclatante, le fonti del corallo, ma anche piazza san marco e tutta quella parte vicino al mare dove ora risiede il mercatino americano. E’ un errore per?, pensare che Livorno debba puntare solo sul suo mare. Le colline livornesi sono molto belle, perch? non creare dei percorsi pi? adatti, con punti di ristoro in qua e l?? Per esempio, tutti i mulini che arrivano ai tre ponti lungo rio ardenza, perch? non viene fatto un itinerario, un percorso a tema? Non bastano dei semplici sentieri in terra battuta a portare il turismo, ci vogliono dei servizi che li accompagnino.
    Per quanto riguarda l’energia…evitando i pannelli solari sui campi, che distruggono il paesaggio, perch? non metterli sui tetti dei palazzi (magari evitando quelli del centro storico), sulle tettoie dei benzinai e autolavaggi, sui centri commerciali, e perch? no, come hanno fatto a Cecina, nei parcheggi, che oltre a produrre energia tengono le macchine all’ombra. Le idee sono tante, e di vario tipo, bisogna vedere poi la volont? e la possibilit? di farle.

  30. Dominic
    3 settembre 2012 a 15:04 #

    Cambiare partendo dai pi? piccoli, ci vuole pi? voglia di fare, e di fare le cose fatte bene, professionalit?. Ovunque ormai vedo superficialit? e sembra che Livorno si senta fiera di appartenere a questa condizione, facendo confusione, aim?, con uno stile portuale che ha caratterizzato Livorno per anni, ma che era ricco di voglia di fare, voglia di vivere il porto e la citt? con professionalit?, attenzione e senso di appartenenza alla citt? stessa.

  31. Guianchi
    9 settembre 2012 a 07:08 #

    Non occorre molto per elevare il tono della citt?. Basterebbe maggior cura e considerazione per quei luoghi che, ben presentati, potrebbero costituire motivo di attrazione turistica, visto che di iniziative imprenditoriali serie non se ne parla (ormai Livorno langue nel limbo).Perch? non restaurare il gazebo di viale Italia, la cappellina Cipriani,il Refugio? Perch? non completare le parole mancanti nelle iscrizioni della barriera Margherita e restaurarla? Perch? non eliminare le crepe sulle spallette della terrazza Mascagni, in via di sgretolamento e perch? non conservare le incisioni sulle spallette dei vecchi ponti sui fossi? Perch? non dare una pulita ai fatiscenti portici di via Roma, vero scandalo? Purtroppo la pecca di Livorno ? quella che qualunque intervento venga fatto spesso lo si fa male e per di pi? non seguito da una adeguata manutenzione, quindi tutto ridiventa fatiscente. Ad esempio quando mai sono state mantenute le strutture in legno delle “baracchine”? Come mai cedono i pozzetti di tenuta dei tombini da non molto costruiti nel primo tratto del viale Italia,per intenderci tra le due rotatorie? Perch? Livorno ha il pi? elevato numero di pali solitari, che non sostengono pi? nulla?
    Perch? si ? aspettato solo ora a dare una sistemata alle Fonti del Corallo, vero gioiello dell’arte Liberty, irrimeddiabilmente deturpato da quel sovrapasso ferroviario, altretutto mal progettato per la sua ridotta larghezza che ne riduce di molto la capacit? oraria? Esempi di interventi ve ne sono ancora molti, basterebbe una sensibilit? maggiore verso ci? che ? “bello”.

  32. Pier Luigi
    9 settembre 2012 a 13:10 #

    Di cosa stiamo parlando? Il rilancio della citt? lo ha bene in mente l’amministrazione comunale con il PD in testa. Livorno assurger? agli onori della cronaca come sede del pi? grosso inceneritore del Tirrreno. In mare un bel rigassificatore e in terra un bell’inceneritore. Al?! Chi vuoi che venga a fare turismo sotto ad un inceneritore. E dato che un mega impianto come quello avr? bisogno di milioni di tonnellate di rifiuti che noi non potremo fornirgli (anche se in questo siamo campioni), avremo un bel viavai di camion carichi di monnezza al posto di quelli carichi di turisti. La riqualificazione del centro. Si continua a costruire in periferia per incassare oneri di urbanizzazione che altrimenti una politica di ristrutturazione degli immobili del centro citt? non produrrebbe. Si aumentano i centri commerciali e si svuotano gli ultimi negozi del centro. Comunque coraggio, il sondaggio sul voto in citt? che abbiamo visto qualche giorno fa ci riempie di speranza. Errare umanum est…….

  33. Max
    12 settembre 2012 a 23:42 #

    Occorre che la gente di Livorno abbia il coraggio di cambiare almeno una volta i personaggi politici del solito filone politico,solo con l’alternanza vi sara’ una speranza di salvezza.Questa citta’ purtroppo e’ inesorabilmente in declino sotto tutti i punti di vista,pertanto ai posteri l’ardua sentenza…..

  34. claudio
    16 settembre 2012 a 19:00 #

    Pulizia strade,punire chi sporca,diffondere il senso civico che non esiste piu in citta’

  35. Vito
    17 settembre 2012 a 05:33 #

    Togliere semplicemente tutti e dico tutti i politici.

  36. guido
    19 settembre 2012 a 08:56 #

    far rispettare di + le Leggi a tutti

  37. Fabrizio
    21 settembre 2012 a 05:59 #

    Se vogliamo puntare su una mobilit? sostenibile, bisogna anche cominciare a fare le multe a chi passeggia sulle piste ciclabili. ? inutile spendere denaro se non si ha un progetto di sistema e non si spiega alle persone che le piste non servono per portare i passeggini sul mare.

  38. riccardo
    21 settembre 2012 a 10:21 #

    Tra le migliaia di cose da fare, l’ippodromo convertirlo in grosso centro di attrazione turistica con accesso gratuito sul mare….le fortezze ristrutturate con spazi dati in gestione ai privati..
    Ripulire le strade..piste ciclabili..ecc.. insomma tutto da rifare

  39. Parklaus
    24 settembre 2012 a 16:05 #

    La domanda/referendum de Il Tirreno avrebbe senso se alle guida del Livorno/Concordia non ci fossero gli Schettini nostrani.