1 0 Archive | Calcio RSS feed for this section
post icon

I due livornesi sono i tecnici pi? pagati. Per?…

Tanti soldi, ma non cifre iperboliche. Lo stipendio degli allenatori di serie A non di rado sta sotto il milione all’anno, in qualche caso anche di parecchio. Non ? molto, diciamolo. Non ? molto rispetto alle follie che si fanno per ingaggiare certi calciatori (20 milioni all’anno per Eto’o, ricordiamolo), e non ? molto neppure rispetto ai 10 milioni abbondanti che prende Mourinho dal Real Madrid, oppure ai 6 che prender? Ancelotti dal Paris Saint Germain.
Gli stipendi pi? alti in serie A li prendono i due tecnici livornesi Walter Mazzarri (2,5 dal Napoli) e Massimiliano Allegri (2 dal Milan). Pi? di loro prendono anche altri allenatori italiani all’estero, sia Capello dalla Federcalcio inglese che lo stesso Spalletti dallo Zenit.
Come se non bastasse, sia Mazzarri che Allegri hanno i loro bravi problemi: per il primo baster? ricordare l’infinito tormentone estivo e il recentissimo passaggio a vuoto seguito alla sconfitta con la Roma, in entrambi i casi Mazzarri ha rischiato la panchina e comunque i rapporti con De Laurentiis restano difficili e appesi al filo dei risultati. L’ultima esternazione natalizia del presidente del Napoli ? stata chiara: a febbraio col Chelsea ? convinto di passare il turno, e nel frattempo pretende che la squadra rientri come minimo nel giro Champions, se non in quello dello scudetto. Mister avvisato…
Diversa, e pi? complessa, la situazione di Allegri. Il suo contratto scade a giugno e non ? stato ancora rinnovato, malgrado una trattativa che dura da mesi. I motivi sono almeno due: il primo ? il rapporto non facile con Berlusconi, che pretende una squadra spettacolare e offensiva con posto in squadra fisso e garantito per Pato, e presenze frequenti per Pippo Inzaghi. Risposta secca di Allegri: io alleno il Milan, non gli Harlem Globetrotters.
Il secondo motivo ? pi? di filosofia contrattuale. Allegri ritiene di aver gi? ottenuto risultati importanti (scudetto e Supercoppa) e di avere diritto ad almeno mezzo milione di ritocco sicuro. Al Milan, invece, vogliono privilegiare il sistema degli incentivi: se vinci qualcosa di importante sali anche a 3 milioni o pi?, se non vinci resti dove sei e puoi anche ringraziare. Latore di questa recente proposta, l’ad Galliani che pure ? un grande estimatore del tecnico labronico.
Ma ad Allegri l’aumento aleatorio non va bene. E cos? anche l’ultimo round pre-natalizio ? andato a vuoto, e Max rimane uno dei pochissimi allenatori col contratto in scadenza e non rinnovato. Complicata la vita, anche sulle panchine eccellenti.

27 dicembre 2011
post icon

? sbocciata la Primavera: mai cos? in alto nella storia

Potrebbe davvero essere l’anno buono. Negli ultimi anni la Primavera del Livorno ha sempre navigato nella zona pi? bassa della classifica, confortata dall’idea condivisa che la priorit? fosse la crescita del gruppo, sempre imperniato sul vivaio degli ex Allievi, e delle sue individualit?. Invece quest’anno, dopo aver sofferto a inizio stagione, gli amaranto si sono guadagnati il terzo posto, a tre punti dal duo di testa composto da Juventus e Fiorentina, e per la prima volta potrebbero davvero lottare per la qualificazione alla fase finale del campionato.
Del resto sono le stesse cifre a rendere l’idea: con 22 reti in undici partite il Livorno ha uno dei migliori attacchi del torneo; ? ancor pi? indicativo ? che 15 di queste reti siano state segnate nelle ultime sei gare. Nelle prime cinque giornate gli amaranto hanno totalizzato solo 4 punti, nelle seguenti sei ne hanno incassati ben 16, con cinque vittorie ed un pareggio. (altro…)

post icon

Femminile Livorno fa da chioccia ai Pulcini del 2003

LIVORNO. Anche i Pulcini 2003 della Femminile Livorno, i bambini del PGA Portuale Guasticce, Ardenza e Livorno Nord Pontino crescono in un clima sereno, dove imparare il significato pi? genuino di praticare sport. Nessuna selezione all’interno dello spogliatoio ma tanta grinta e determinazione quando c’? bisogno di rincorrere quel pallone che rimbalza lungo il terreno di gioco, frastornato da continui capovolgimenti di fronte. Furetti entusiasti che rincorrono svelti la palla, nel tentativo di favorire il compagno posizionato in maniera ottimale rispetto all’asse della porta. Hanno gi? appreso cosa vuol dire fare squadra, infatti con tocchi semplici e timidi, giocano scambiandosi il pallone, esultando tutti insieme dopo un gol e non abbattendosi quando ne subiscono altrettanti. In questo weekend siamo andati sul campo del ?Rombolino? per l’incontro della femminile Livorno ed il PGA Portuale Guasticce, ed a Montenero per la sfida tra l’Ardenza ed il Livorno Nord Pontino. (altro…)

post icon

Juniores regionali: Nerici e Del Vivo, le firme del derby

La formazione dell'Armando Picchi

LIVORNO. Giornata prolifica per le livornesi, perch? tutte sono andate a punti ieri, nell?undicesimo turno degli Juniores regionali girone B. A Banditella, le reti di Nerici e Del Vivo decretano l?1-1 nel derby tra Picchi e Antignano, con brivido finale per il rigore sbagliato da Dini. La Pro Livorno capolista fa 3-0 sul campo del Braccagni, mentre il Collesalvetti conquista la prima vittoria stagionale: 2-0 al Montecalvoli con i gol di Mickalik e Marchini. Pareggio esterno a reti bianche, infine, per il Portuale Guasticce.

Picchi-Antignano 1-1

ARMANDO PICCHI: Di Fabrizio (45? pt Bertini), Parlagreco, Dini, Sassoli (18? st Gambogi), Intorcia (5? st Mazozni), Guarnieri, Volandri (14? st Tavani), Nerici, Voliani (33? st Rondina), Del Vivo, Vitelli. A disp: Dell?Omodarme, Salvadori. All: Dini.
ANTIGNANO BANDITELLA: Falleni, Chiani, Gospedini, Ottoboni, Piro, Meucci, Maconi (4? st Tavani), Dini, Nerici, Stagi (13? st D?Amore), Leonardi (24? st Viviani). A disp: Bientinesi, Saba, Tonarini, Santigli. All: Signorini.
RETI: nel st, 2? Nerici, 41? Del Vivo (rig.).

Braccagni-Pro Livorno S. 0-3 BRACCAGNI: Lucetto, Camarri, Prallini, Scotto, Gufi, Storelli, Guiggiani, Poli, Savobucci (10? st Giani), Belardi, Roghi (10? st Cerboni).
PRO LIVORNO SORGENTI: Spagnoli, Catarzi (13? st Ceccarelli), Nuti, Colombo, Lepori, Frilli, Castellani, Chichizzola (1? st Di Lazzaro), Lambardi (32? st Casali), Rossi, Pini (25? st Lenzi). All: Tarquini.
RETI: nel pt, 30? Lambardi; nel st, 28? Lambardi, 45? Rossi.

Collesalvetti-Montecalv. 2-0 COLLESALVETTI: Danti, Pandolfi, Capetola, Bianchi (24? st Pavone), Vrapi, Ciompi, Marini (34? st Luchetti), Pierig?, Marchini (42? st Cutroneo), Vaiani (22? st Lenzi), Mickalik. A disp: Contini. All: Falduto.
S.M.MONTECALVOLI: Fargione, Pi? (11? st Casalini), Nahit (1? st Ianniello), Diana, Lazzeri, Romagnoli, Battini, Ammannati, Tamburi, Luschi (7? pt Filippi), Schettini. All: Galletti.
RETI: nel pt, 21? Mickalik; nel st, 30? Marchini (rig.).

S.Miniato-Portuale G. 0-0 SAN MINIATO: Nutini, Lucchesi (24? st Bini), Mascagni, Allegri, Panchetti, Scali (42? st Speranza), Bandini, Latini, mTerreni, Testi, Di Pietro (35? st Kazazi). Allenatore Matteucci.
PORTUALE GUASTICCE: Grassia, Ciabatti, Pellegrini, Bertini, Brondi, Morini, Guidi, Vestri, Miceli (35? st Brenna), Mazzacca, Simonini. A disp: Fiorini, Zanobetti, Pierotti, Campochiari. All: Coppola.

? RIPRODUZIONE RISERVATA

post icon

Giovanissimi, l’Orlando vince dopo due anni di sconfitte

LIVORNO. Se l?intensit? del gusto che regala una vittoria si misura dal tempo di attesa, quella ottenuta a scorsa dai ragazzi dell?Orlando ? forse la pi? dolce. C?? voluto, infatti, quasi un anno e mezzo, ma finalmente la formazione Giovanissimi A provinciali (nati 1997) ha potuto assaporare la gioia dei tre punti, acciuffati tutti in una volta. Al Pitto i biancoazzurri allenati da Valerio Barsanti hanno liquidato 4-1 il Donoratico. ?Eppure questi ragazzi – afferma mister Barsanti – non hanno mai perso l?entusiasmo di venire sempre ad allenarsi durante la settimana, di farsi trovare pronti per giocare la domenica. Nonostante la vittoria mancasse da tantissimo tempo, hanno saputo creare un gruppo coeso, che si diverte a stare insieme. Vederli festeggiare domenica negli spogliatoi dopo la vittoria sul Donoratico, abbracciarsi tutti con allegria e soddisfazione, mi ha davvero riempito di gioia?. Gli stessi ragazzi che la stagione passata hanno disputato il campionato Giovanissimi B provinciali, finendo all?ultimo posto in classifica con zero punti. Ventiquattro gare e ventiquattro sconfitte. Ma nessuno di loro ha mollato, hanno voluto riprovarci tutti insieme, questa volta nella categoria Giovanissimi A provinciali. La stagione attuale sembrava cominciata sulla falsariga della scorsa, con tre sconfitte nelle prime tre giornate. Poi alla quarta ecco il primo punto conquistato, in casa contro l?Audace Isola D?Elba. Dopo altre tre sconfitte, infine, la vittoria.
Domenica sono scesi in campo il portiere Ortolani, i difensori Mecacci, Barsotti, Corsini e Silvestrelli, i centrocampisti Cal?, Falleni, Remedi e Damiani, gli attaccanti Calamita e Bogatu.

25 novembre 2011
post icon

Giada, la baby-calciatrice che batte i maschietti

LIVORNO. Giada Marrucci, ala sinistra della PLS classe ?99, occhi penetranti e piedi da favola. Una ragazza nel mondo dei ragazzi: lei sa come si tocca il pallone, perch? conosce tutto sul gioco del calcio e lo pratica anche piuttosto bene, guadagnandosi cos? uno spazio proprio sulle pagine del quotidiano. Una ragazzina con le idee chiarissime.
?Il calcio femminile esiste ed ? importante quanto quello maschile. Va incentivato, nella vita sar? sempre una donna ma quando calpesto l?erbetta del campo, c?? solo Giada e l?amore per questo sport?.
Chi ti ha trasmesso questa passione?
?Nessuno in particolare. I miei genitori mi incitano sempre a proseguire verso la mia strada e quando ? possibile, mi piace scendere in cortile ad allenarmi un p? insieme alla mia grande amica Ilaria. Ci siamo conosciute sui banchi di scuola ed abbiamo condiviso tanti momenti assieme perch? pure lei gioca a calcio, ma in una rosa femminile?.
Come mai preferisci far parte di una squadra maschile?
?Perch? in questo modo ho la possibilit? di cimentarmi subito con il calcio a undici. I miei compagni sono tutti bravi ragazzi, con cui ho legato subito. Anche con l?allenatore ho un ottimo rapporto e tra l?altro lui mi impiega nel ruolo che pi? mi si addice?.
Aspirazioni per il futuro?
?Ho ancora le idee molto confuse ma sicuramente proseguir? con la carriera di calciatrice sperando di migliorare per arrivare a giocare in squadre professionistiche e poi vorrei allenare?.
Ti ispiri a qualche grande nome del calcio e qual ? la tua squadra del cuore?
?Tifo Fiorentina perch? sono rimasta legata ai tempi di Luca Toni, mentre mi piace prendere spunto da Robben del Bayern Monaco?.
La rete a cui sei pi? legata?
?Quella contro l?Antignano Banditella perch? sono riuscita a realizzare direttamente dagli sviluppi di un calcio d?angolo?.

15 novembre 2011
post icon

Il responsabile regionale mangini: “no alle discriminazioni”

L’eco del bambino escluso rimbomba in tutta Italia. E la Figc toscana, tramite il coordinatore del Settore Giovanile e Scolastico Paolo Mangini, condanna l’episodio: ?La categoria Esordienti A 1999 fair play ? l’ultimo gradino della scuola calcio. Pertanto tutti i bambini devono giocare. Mi spiace che la vicenda abbia avuto luogo in una societ? sana e ricca di valori come la Pro Livorno Sorgenti?.
No alla selezione. Non importa se il ragazzo non viene convocato ?perch? sovrappeso?, come sostiene il padre, o ?perch? non ancora pronto n? tecnicamente n? tatticamente per giocare a 11?, come dichiarano la societ? e l’allenatore Jonathan Cecchi: Mangini spiega che ?estromettere un 12enne dalle partite di campionato ? sbagliato. Nella scuola calcio tutti hanno il diritto di giocare. E se la rosa ? composta da oltre 18 elementi (il massimo consentito per le convocazioni) ogni istruttore ha l’obbligo di far ruotare i bambini per dare loro il giusto spazio, soprattutto in una realt? come la Pls che ha due squadre impegnate in quel torneo. Non voglio giudicare il colloquio di inizio stagione tra il padre e la societ?, ma credo che sarebbe stato corretto far disputare al ragazzo almeno due gare. La scuola calcio non implica alcun tipo di selezione, nella scuola calcio si gioca: allenarsi e stare in gruppo non ? sufficiente, quel bambino deve condividere con gli altri le emozioni della partita?. Perch? un atteggiamento del genere non rientra nella filosofia della Figc: ?La categoria Esordienti ? prosegue il coordinatore regionale ? fa parte di quel pacchetto educativo che proponiamo da anni. Il nostro programma mira a coinvolgere tutti i bambini, oltre a utilizzare lo sport come mezzo educativo?. Intanto, ?per avvicinare le parti e tutelare il piccolo calciatore?, Mangini ha avuto un colloquio telefonico con il genitore, mentre la Pro Livorno Sorgenti si ? incontrata con la delegazione della Figc di Livorno.
Lo spirito della Figc. Il leader regionale del Settore Giovanile e Scolastico della Federazione ? comunque sorpreso dal comportamento di una societ? sensibile come la Pls, ?l’unica in Toscana ? racconta ? ad aver accolto nelle sue strutture la squadra dei disabili dell’associazione ?Arlecchino??. Poi riprende la proposta lanciata dal vescovo della diocesi di Livorno, Simone Giusti, di costruire una squadra di ?schiappe?: ?Lui vorrebbe rivedere i valori di una volta, quelli che dominavano il calcio giocato per strada: amicizia, condivisione e lealt?. E noi sposiamo questa linea?. Perch? la Toscana deve continuare ad essere in prima linea nella condivisione di tali valori: ?Siamo la regione ? puntualizza Mangini ? che organizza il maggior numero di corsi per gli istruttori delle scuole calcio, per i dirigenti e perfino per i genitori. Nel 2007 abbiamo realizzato un dvd di 9 minuti intitolato ?Gioco io?, consegnato a tutte le realt? toscane e ripreso poi in varie parti dell’Italia: il filmato ? un bellissimo ritratto del rapporto tra il genitore e il figlio. E quest’anno stiamo lavorando a un nuovo progetto dedicato alla relazione tra societ? e famiglie. A settembre abbiamo dato il via a una ?campagna d’ascolto? per tutti coloro che orbitano intorno a questo ambiente, affinch? ognuno racconti le proprie esperienze. Nei primi mesi del prossimo anno raccoglieremo e rielaboreremo i contributi pi? significativi per organizzare, nel mese di aprile, una giornata dove verranno esposte le linee guida da seguire in certe situazioni. Infine realizzeremo un libro da diffondere in tutte le societ? toscane per approfondire il fragile rapporto tra societ? e genitori?.

9 novembre 2011
post icon

Col Tirreno ad Appiano Gentile: i ragazzini incontrano i loro idoli dell’Inter

MILANO. Il pi? grande spettacolo sono loro. Riccardo, 8 anni, la maglia di Milito sotto un diluvio di capelli biondi, che osserva con gli occhi sognanti Zarate mentre palleggia a 10 metri da lui,; Lorenzo, 7 anni, sguardo vispo e capelli con ragnatela laterale che sarebbero piaciuti a Materazzi, mentre fa la foto pieno d?orgoglio in braccio a Julio Cesar; Omar, che di anni ne ha 16 e corre come un matto per conquistare autografi e foto dei suoi idoli.
Che giornata per questi 13 bambini/ragazzi. Indimenticabile. Il fiume di tagliandi raccolti nel concorso ?Vota la promessa? promosso dal Tirreno ha regalato loro una raffica di premi e una spedizione ad Appiano Gentile nel nido dell?Inter, ciascuno accompagnato da un genitore o da un nonno.
La prima tappa ? nella sala stampa, quella vista mille volte in tv, poi ? il momento dell’allenamento, tutti in campo a un metro dai propri idoli.
Tra un volo di Julio Cesar, un gol di testa di Pazzini e una sgroppata di Zanetti, si arriva al the end. Poi il lungo rito degli autografi e delle foto con i nerazzurri. Ranocchia rompe il ghiaccio, poi arrivano Milito, Zanetti, Stankovic, Ranieri, Pazzini, tutti gentilissimi. Bambini in braccio, foto di gruppo. Quindi il pranzo con un ospite d’eccezione per i ragazzini livornesi: Diego Forlan.

21 ottobre 2011
post icon

Vota la promessa: i vincitori venerd? a casa dell’Inter

LIVORNO. Rotta su Appiano Gentile. Per vivere una magnifica giornata a stretto contatto con lo splendido mondo nerazzurro e che i vincitori della seconda edizione di ?Vota la promessa del calcio giovanile?, varato dal nostro giornale, porteranno sempre nel cuore.
Una ventina di ragazzi di Livorno e provincia avranno l’opportunit? di assistere al penultimo allenamento della squadra di Ranieri in vista del match di domenica a San Siro contro il Chievo e che saranno ricevuti dall?entourage interista, capitanato dal vice direttore generale (tra l?altro un livornese doc) Stefano Filucchi, oltre ad avere l?opportunit? di farsi firmare autografi e scattare fotografie ricordo in compagnia di molti protagonisti del ?triplete? targato Jos? Mourinho e degli altri campioni.
Ma veniamo all?elenco dei fortunati: si tratta dei primi due classificati delle tre fasce previste dal regolamento, ovvero Omar Korri e Alessandro Mannucci (Fascia 1: Juniores e Allievi), Sasha Bacci e Federico Voliani (Fascia 2: Giovanissimi e Esordienti), Lorenzo Caserta e Gianmarco Giglio (Fascia 3: Pulcini e Piccoli Amici), a cui vanno aggiunti Simone Bonomo e Riccardo Ciattini, estratti a sorte in occasione della serata di gala svolta il 21 giugno scorso al teatro Cral Eni di Livorno.
L?Inter, inoltre, metter? a disposizione pure la sala stampa del centro sportivo ?Angelo Moratti?, offrendo un buffet a tutti i ragazzi che, come detto, sogneranno per un giorno al fianco dei propri idoli.

19 ottobre 2011
post icon

Il Livorno crolla contro la Reggina: 0-2

Prosegue la maledizione Ardenza per il Livorno e prosegue l'astinenza di reti. La squadra di Novellino crolla 2-0 con la Reggina: secondo ko e quarta partita stagionale senza gol in casa
16 ottobre 2011