post icon

Scende la cometa in Val Sestaione

Anche questa Vigilia di Natale torna a Pian degli Ontani il suggestivo spettacolo della “Discesa delle stelle cometa”? organizzato dalla Proloco Val Sestaione. La festa riprende una tradizione oramai decennale che consiste nel far scendere una stella cometa di 7 metri in ferro e plexiglass?dal Balzo dell’Aquila (il monte antistante Pian degli Ontani) fino alla piazza del paese, accompagnata da un suggestivo spettacolo pirotecnico. Dopo l’arrivo della stella, paesani, curiosi e villeggianti aspettano tutti insieme il Natale con la Santa Messa e una?festa in piazza. Sacro e “profano” tornano a?mescolarsi il 5 gennaio quando, dopo essere rimasta sospesa per?oltre?dieci giorni?sopra la Val Sestaione, la stella viene ritirata alla base? nella sera della Vigilia dell’Epifania. Luogo della veglia, questa volta non ? solo la piazza dell’Acerone. ma tutto il paese. La festa comincia gi? dal primo pomeriggio quando il Gruppo dei Cantori della Befana della Val Sestaione, composto da un nutrito insieme di adulti e bambini, iniziano il loro giro di questua. Come tradizione, i cantori si spostano di casa in casa nei borghi di Pian di Novello e Pian degli Ontani per cantare “La Befana” (componimenti tradizionali dal tema natalizio) e,?abbigliati come i personaggi del presepe, impersonano alcune scene della Nativit?. La questua va avanti fino alla sera, quando i cantori arrivano in piazza per cantare La Befana in attesa dell’arrivo della stella cometa. In quel momento sulla piazza dell’Acerone, terrazza?panoramica sulla?val Sesatione, la festa ? cos? sentita e l’atmosfera magica a tal punto da non poter essere descritta a parole. Poi, fra il profumo dolce nei necci e l’aroma speziato del vin brul?, l’arrivederci conviviale all’anno successivo.

Leggi la storia della Stella cometa della Val Sestaione su Il Tirreno

Guarda il video della Discesa della Stella

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=8UrxX-v_J_8&feature=player_detailpage[/youtube]

 

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Questo post è stato scritto da: Montagne pistoiesi

Nessun commento

Lascia un commento