post icon

A Cutigliano, il balla…Babbo Natale

ADDOBBI DI NATALE CURIOSI …

Quando si dice mettere in moto la fantasia. A Cutigliano, dove?l’estro proprio non manca,?davvero tutto si pu?. E poco ci vuole per strappare qualche risata ai turisti e sciatori che?per queste festivit? salgono in visita al paese. D’altra parte quel faccione rotondo (ma rotondo per davvero!) e quegli occhioni giganteschi non possono che suscitare simpatia a prima vista. Ve ne siete gi? accorti guardano la foto, eh? Bene, vi assicuriamo che dal vivo rende ancora meglio. Fosse solo per le dimensioni di quel faccione da Babbo Natale: una rotoballa di?fieno, di?oltre un metro di diametro, attraversata da un enorme sorriso di “tubico” di plastica eppure tanto cordiale. Completano l’opera una maxi-barba e due folte sopracciglia bianche ed un cappello che riprende la foggia del tipico copricapo di Santa Claus, eppure tanto ampio da poter rivestire un’automobile! Gli autori di questo gigantesco benvenuto sono alcuni componenti del coro parrocchiale di San Bartolomeo di?Cutigliano, su un’idea concepita dalla instancabile direttrice Silvia Ferrari. Per giorni e giorni tutti i paesani si sono chiesti, incuriositi,?che cosa ci facesse quella rotoballa depositata a lato del Ponte alla Pallaia, costruendosi nella mente le pi? disparate ipotesi. Finch?, la scorsa settimana, l’opera ha cominciato a prendere forma. Adesso, ci dicono i componenti del coro, il lavoro ? pressoch? terminato, rifinito dagli ultimi dettagli: una pila di fanta-doni impacchettati con carta rossa, un abetello di Natale addobbato sull’altro lato ed una tenda rossa?a rifinire la scena. Che dire? Bravi agli ideatori per l’idea, un modo davvero originare per porgere un indimenticabile augurio di Buon Natale, con un’opera che niente ha da invidiare a certe installazioni artistiche contemporanee realizzate con materiali poveri. L’auspicio intanto ? che questo esperimento non si esaurisca in s? stesso, ma che sia precursore di una tradizione da ripetere negli anni a venire.

Condividi:
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Questo post è stato scritto da: Montagne pistoiesi

Nessun commento

Lascia un commento