L’archivio della memoria cittadina

Sar? un deposito della memoria cittadina, un album fotografico collettivo della citt?, per ricordarsi com?era Prato nemmeno tanti anni fa, dagli anni Cinquanta fino agli anni Novanta, prima delle grandi trasformazioni vissute nell?ultimo ventennio. ? questo il senso del blog ?Prato com?era?, l?iniziativa che il Tirreno lancia coinvolgendo i lettori e ?tutti i pratesi.

Non ? un?operazione nostalgica all?insegna del ?si stava meglio prima?. L?idea nasce da una considerazione diversa. Una citt? ?che ha vissuto profondi cambiamenti nell?arco di 40 anni (l?immigrazione dal Sud d?Italia degli anni Sessanta e Settanta, il boom della popolazione, i paesi-frazioni diventati periferie, la trasformazione dell?industria tessile, l?evoluzione da citt?-fabbrica a citt? compiuta)? fino alle? novit? dirompenti dei fenomeni pi? recenti (l?immigrazione dalla Cina e il boom di presenze straniere) ha bisogno di ricucire un tessuto di memoria (dei luoghi, delle manifestazioni, delle attivit??) che le immagini restituiscono con immediatezza. Ne ha bisogno chi ha visto quei luoghi e vissuto quegli anni e pu? cedere all?onda dei ricordi, ne ha bisogno anche chi? conosce solo la Prato di oggi e potr? cos? misurare i cambiamenti e il passaggio del tempo.

Per far questo il Tirreno chiede la collaborazione dei lettori. Aiutateci? a costruire questo ?archivio della memoria? inviandoci le vostre foto: quelle che avete negli album, nei cassetti, in soffitta; quelle che ritraggono luoghi, persone, avvenimenti, piccoli fatti pubblici e privati. Le foto che ci manderete saranno visibili sulle pagine del blog ?Prato com?era?, un archivio on line che le ?raccoglier? tutte, divise per temi, e che sar? sempre a disposizione della rete. Qui si sedimenter? il deposito di immagini e la memoria collettiva della nostra citt?. Il blog avr? un?appendice su Tumblr, dove il filo del dialogo per immagini con i pratesi si allargher? anche alle foto della Prato di oggi.

Inoltre i lettori possono aiutarci ad approfondire e completare le didascalie scrivendoci nello spazio dei commenti che si raggiunge cliccando sul titolo di ogni immagine, aggiungendo dettagli e ricordi personali, raccontando episodi e aneddoti, riconoscendo le persone e le cose ritratte nelle foto.

Il primo contributo lo stanno dando i fotografi cittadini attingendo ai loro archivi, ?le associazioni fotografiche. ?Ma toccher? soprattutto ai pratesi affezionati alla loro citt? dare una mano alla costruzione di questo archivio. E poi goderselo. In fondo ? anche un gioco, una caccia al tesoro collettiva: la caccia ai pezzi di un unico grande puzzle che ci rappresenta tutti.

9 commenti

Lascia un commento
  1. luciano
    25 settembre 2011 a 08:22 #

    E’ una bellissima idea che appassiona e coinvolge,..accettate anche foto dei paesi limitrofi tipo S.LUCIA?

    • Redazione Prato
      26 settembre 2011 a 13:21 #

      S?, certamente. L’obiettivo ? proprio quello di costruire un archivio della memoria di Prato e delle sue frazioni-paesi prima delle grandi trasformazioni.
      Le aspettiamo

  2. FEDERICO
    26 settembre 2011 a 10:31 #

    caro ranfagni, e’ bella come iniziativa ma sarebbe piu’ bello poterle scaricare e tenere a casa ma come si vede su tutte le foto ce’ il suo nome sopra.. bastava mettere ” GENTILMENTE OFFERTE DAL SIG . RANFAGNI”
    SPERO CHE SI POSSA FARE AL PIU’ PRESTO. GRAZIE … FEDERICO

    • Redazione Prato
      26 settembre 2011 a 18:16 #

      Ranfagni ha messo a disposizione alcune sue foto per l’iniziativa del Tirreno, come faranno altri fotografi pratesi. Ma ha voluto anche tutelare i suoi interessi commerciali, visto che quelle foto le stampa a pagamento.

  3. Alessio 47
    27 settembre 2011 a 13:05 #

    F? tanto piacere rivedere la nostra vecchia Prato,ringrazio Ranfagni che f? da sempre parte di Prato anche lui.

  4. Antonella
    28 settembre 2011 a 09:14 #

    Che bello sono tornata bambina e con tanta nostalgia della vecchia Prato, appena possibile invier? delle foto dove sono ritratti i miei nonni nel loro negozio di macelleria in Via Mazzini.
    Grazie a tutti quelli che collaborano per questa bella iniziativa.
    A proposito il fiorario sul sagrato di Piazza Duomo vende le famose mazze di San Giuseppe nel giorno di Gioved? Santo.

  5. stefano
    5 ottobre 2011 a 09:01 #

    Inviate foto anni fine ’70 meta anni ’80….

  6. Mario
    3 gennaio 2013 a 23:33 #

    NESSUNO POSSIEDE O SA DOVE POSSO TROVARE UN STRADARIO VECCHIO DI PRATO CIRCA nel 1935

  7. Gionatan
    13 luglio 2013 a 22:36 #

    Anche se non sono pratese puro (i miei genitori sono siciliani)sono nato qui. Vedere com’era la citt? decenni prima che nascessi e confrontarla con quella di oggi…anche se con tristezza ma fa emozionare