post icon

Prato Trade a Milano Unica con lo stand Look at the Clothes

Una festa di colori, di stili, di idee innovative applicate ai tessuti ed espresse dai capi di abbigliamento: ? questo lo stand che si sta allestendo in questi giorni a Milano Unica sotto le insegne del progetto di Pratotrade Touch the Fabric. Il consorzio sar? presente alla fiera milanese con il consueto consistente plotone di imprese, sia ?storiche? che di recente adesione, ed ha individuato in Touch the Fabric lo strumento per far conoscere ed apprezzare il distretto pratese nel suo complesso.

Si chiama Look at the Clothes l?ampio spazio (160 metri quadrati) che il consorzio si ? ritagliato nell?ambito di Milano Unica. Ben 40 i capi femminili e maschili esposti, realizzati da imprese di confezione pratesi con i tessuti forniti da 28 aziende, per la quasi totalit? aderenti al consorzio. Dei 40 capi, 8 hanno anche una marcia in pi?: sono stati infatti disegnati da Gabriele Baldi del duo Baldibloom a capo del brand 1.Dark Level e da Filippo Fanini, due giovani stilisti toscani emergenti. L?iniziativa ? documentata da un catalogo digitale completo e da uno cartaceo esemplificativo.

?Abbiamo voluto vedere cosa poteva venire fuori mettendo insieme la creativit? dei nostri tessuti e le grandi capacit? delle confezioni che operano nel nostro stesso territorio.? spiega Sandro Ciardi, presidente di Pratotrade ?Per parte dei capi, poi, abbiamo potuto contare sull?inventiva del marchio 1.Dark Level e del designer Filippo Fanini, che hanno apprezzato questo approccio ?km zero? che ? nato a Prato e che attraverso il coinvolgimento di confezioni locali si propone di valorizzare l?intera filiera moda del distretto. Il risultato? Sorprendente: lo vedr? con i suoi occhi chi verr? in fiera. Un grazie ai molti che hanno consentito la realizzazione di questa iniziativa: Toscana Promozione e la Regione Toscana per il sostegno che danno al progetto Touch the Fabric, di cui Look at the Clothes costituisce una nuova declinazione; l?organizzazione di Milano Unica per la sua disponibilit? ad ospitare lo stand; e poi naturalmente le imprese che hanno fornito i tessuti e che hanno realizzato i capi (elenco in fondo).?

?Un?esperienza nuova e impegnativa, ma anche molto stimolante e gratificante: cos? abbiamo vissuto il progetto dal lato abbigliamento.? commenta Paolo Crocetta, presidente della sezione Confezionisti e maglifici dell’Unione Industriale Pratese ?Il nostro settore a Prato ? molto cresciuto, e non solo come numeri ma anche e soprattutto come competenze tecniche e capacit? di dare servizi di qualit? interpretando al meglio le indicazioni della committenza. E naturalmente anche sul piano della possibilit? di proporci direttamente sul mercato con nostre creazioni. Per questo progetto abbiamo messo in campo tutti questi aspetti delle nostre competenze, proponendo soluzioni e accogliendo a nostra volta le sollecitazioni che ci venivano da produttori di tessuti e stilisti. E? stato bello sentirsi parte di una sorta di ?club pratese della moda? che integra la fase finale che noi rappresentiamo con il business storico del distretto. I risultati mi pare ci siano e lo stand a Milano Unica sapr? evidenziarli al meglio.?

IMPRESE FORNITRICI DEI TESSUTI PER LOOK AT THE CLOTHES

ALIBI SRL

BARDAZZI ALBERTO SPA

BELLANDI SPA

BINICOCCHI SRL

EFILAN SRL

FURPILE IDEA SPA

INSETA SRL

LANIFICIO BECAGLI SRL

LANIFICIO CANGIOLI 1859 SPA

LANIFICIO CAVERNI & GRAMIGNI SPA

LANIFICIO CIATTI & BARONCELLI SPA

LANIFICIO CORTI MARCELLO SRL

LANIFICIO EUROPA DI PIERO E LUIGI GUARDUCCI SNC

LANIFICIO FALIERO SARTI & FIGLI SRL

LANIFICIO FORTEX SPA

LANIFICIO MARIO BELLUCCI SPA

LEATHERTEX SRL

LINEA ROSS SPA

LINEA TESSILE ITALIANA SPA

LINEAESSE TESSUTI SPA

M.T.T. MANIFATTURA TESSILE TOSCANA SPA

MANIFATTURA EMMETEX SPA

MANTECO SPA

MARINI INDUSTRIE SPA

MTS LINEA ABBIGLIAMENTO SRL

O’ JERSEY SRL

PONTETORTO SPA

WARP & WEFT SRL

IMPRESE REALIZZATRICI DEI CAPI PER LOOK AT THE CLOTHES

ALTA TENSIONE SRL

CREAZIONI SONIA SRL

CUNNINGAM SRL

GRUPPO SARTORIALE INTERNATIONAL SRL

  • Facebook
  • Twitter

Questo post è stato scritto da: La redazione

Nessun commento

Lascia un commento