post icon

Milano Unica si chiude con 19mila presenze

La tredicesima edizione di Milano Unica nella quale sono state presentate, a Fieramilanocity, le collezioni di tessuti per la stagione primavera/estate 2015 e che ha visto la partecipazione di 398 aziende espositrici, di cui 72 di altri Paesi europei, ha confermato l?importanza di questo appuntamento per l?intero sistema della moda italiano e internazionale.
A fronte della conferma del numero complessivo di visitatori (circa 19.000), il Salone italiano del Tessile ha fatto registrare una significativa crescita (+7,6%) del numero di aziende estere che hanno visitato gli stand nel corso della tre giorni milanese dedicata alla promozione dei migliori tessuti e accessori tessili italiani ed europei.

E dopo un risultato positivo per i pratesi a Milano il distretto ? pronto a trasferirsi in massa a Parigi, dove da marted? si apre la fiera internazionale Premiere Vision.
All?inaugurazione della XVIII edizione erano intervenuti Silvio Albini, Presidente di Milano Unica, Diana Bracco, Presidente Expo 2015? SpA, Commissario Generale di Sezione Padiglione Italia, Claudio Marenzi, Presidente di Sistema Moda Italia, Cristina Tajani, Assessore alle Politiche per il Lavoro, Ricerca, Universit?, Moda e Design, Comune di Milano, e Carlo Calenda, Vice Ministro del Ministero dello Sviluppo Economico, sottolineando, assieme all?esame dei problemi e delle opportunit? del comparto, il contributo che la tessitura made in Italy pu? dare al successo di Expo 2015.
Nel suo intervento, Silvio Albini aveva sottolineato i segnali di ripresa iniziati nell?ultima parte del 2013 e che stanno proseguendo nel 2014, a partire dagli ordinativi che arrivano alle aziende e dai dati sull?andamento delle esportazioni. Esportazioni che tornano a dirigersi anche verso l?Europa.
L?importanza dell?Europa, ma anche di altri mercati consolidati, ? risultata confermata dalla crescita del numero di aziende estere che hanno visitato Milano Unica. Tra le presenze in aumento pi? significative, in termini percentuali e valore assoluto, sono da segnalare: Germania (+30%), Spagna (+16%), Gran Bretagna (+16%), Svezia (+45%%).Tra i Paesi extra UE invece: Cina (+63%), Federazione Russa (+11%), Turchia (+9%)? e Giappone (+13%).
Proprio a partire dalla prossima edizione, il Paese del Sol Levante sar? presente in un?area collaterale con un percorso espositivo ??Osservatorio Giappone?, all?interno del quale le aziende, rappresentanti dell?eccellenza produttiva nipponica, presenteranno tessuti selezionati merceologicamente complementari, ricchi di innovazione e dedicati principalmente alla tecnologia dello sportswear. L??Osservatorio Giappone? ? organizzato da Japan Fashion Week Organization, l?associazione giapponese che riunisce gli industriali tessili e dell?abbigliamento, i fashion designers e i distributori.

?L?andamento della qualit? delle presenze – sostiene Silvio Albini, Presidente di Milano Unica ?, che si ? registrato in questi tre giorni, ? sicuramente il motivo di maggior soddisfazione, come, peraltro, ho avuto modo di registrare tra numerosi espositori. La maggior presenza di buyer provenienti dai nostri pi? tradizionali mercati esteri, ? sicuramente un importante segnale che induce a un moderato ottimismo sul futuro del nostro comparto manifatturiero”.
?L?Europa non ? ancora il nostro mercato domestico – aggiunge il presidente di Milano Unica -, perch? troppe sono le diversit?, non solo culturali, che caratterizzano i mercati dei singoli paesi europei, ma ? sicuramente un mercato a cui dobbiamo continuare a prestare grande attenzione, sostenendo, per quanto ci compete, gli sforzi di integrazione. Tra le presenze pi? significative, voglio inoltre ricordare quelle ancora in crescita delle aziende cinesi, nonostante che fra meno di tre settimane saremo a Shanghai per Milano Unica Cina con 125 espositori ?made in Italy? di alta gamma?.
?Il bilancio di questa edizione – ha commentato Massimo Mosiello, Direttore Generale di Milano Unica, alla guida operativa della manifestazione tessile-accessori sin dalla prima edizione – non pu? non partire dal gradimento incontrato tra visitatori, giornalisti ed espositori dei grandi cambiamenti strutturali e merceologici del percorso espositivo di Moda In. Un lay out caldo, avvolgente che ha sicuramente contribuito a far percepire la pi? generale propensione del nostro settore alla creativit? e all?innovazione. Una propensione che ribadiremo nel corso della quinta edizione di Milano Unica China, che si svolger? a Shanghai dal 3 al 5 Marzo 2014, nella quale, assieme al Comune di Milano, porteremo anche il messaggio di Expo 2015.

  • Facebook
  • Twitter

Questo post è stato scritto da: ireali

Nessun commento

Lascia un commento