post icon

Mu New York, numerosi visitatori attesi per oggi. Il primo giorno alcuni stand sono rimasti semivuoti

IMG_20160124_072528Il peggio ? passato e New York si ? svegliata sotto il sole. Dopo la tempesta di neve che ha colpito tutto il Nordest degli Stati Uniti ? tornato il sereno anche tra IMG_20160124_142603gli imprenditori tessili, che proprio? in questi giorni sono volati alla volta della Grande Mela per l?apertura di Milano Unica New York , in corso al Jacob Javits Center di Manhattan fino a domani.? La fiera ha aperto i battenti, domenica 24 gennaio, sfidando il maltempo, ma il boom di visitatori ? atteso per oggi e domani. ?Non c?? stata molta affluenza – commenta Maurizio Sarti del lanificio pratese Faliero Sarti, al termine del primo giorno – a neve e il maltempo hanno senz?altro influito, ma ritengo che abbia pesato soprattutto la scelta di aprire la fiera di domenica. Oggi, tra l?altro, ? una splendida giornata di sole, ma la maggior parte dei clienti, per? lo meno quelli con cui siamo in contatto, verranno a visitarci tra luned? e marted??.IMG_20160124_131920
Sarti ? uno degli imprenditori in trasferta tra i pi? fortunati per essere riuscito ad arrivare a New York prima del blocco del traffico aereo a causa della bufera di neve. Ma non per tutti ? stato cos?.? ?Sono arrivato a New York venerd? e in serata ha iniziato a nevicare aumentando sempre di pi? nel corso della notte – racconta -? quelli che avevano il volo sabato non sono riusciti ad arrivare in tempo per l?apertura, tant?? che alcuni stand sono ancora semivuoti. Oggi mancavano ancora diversi espositori, ma ormai ? questione di poco: anche loro sono in arrivo?.? Sono cinque le aziende pratesi presenti al salone newyorchese. ?Abbiamo scelto di partecipare a questa fiera? – spiega? Sarti- perch? ? un?occasione per incontrare anche quei clienti che, diversamente, non riusciremo a visitare direttamente come facciamo di solito con quelli pi? importanti?.
Del resto il mercato a stelle e strisce rappresenta una fetta importante dell?export dei prodotti tessili del nostro distretto, anche se non ? l?unico. ?Nel nostro caso? -? continua – non abbiamo un mercato prevalente e anche per questo, per la seconda stagione consecutiva, saremo presenti a tutte le fiere del settore: dopo New York faremo Monaco, Milano e Parigi. E? anche un modo per offrire un servizio in pi? ai clienti in un momento storico critico a livello internazionale in cui c?? pi? paura a viaggiare e a spostarsi. La logica ? questa: se loro non vengono da noi, andiamo noi da loro?.

(Barbara Burzi)

  • Facebook
  • Twitter
25 gennaio 2016

Questo post è stato scritto da: ireali

Nessun commento

Lascia un commento