post icon

Lineapi? Italia presenta il primo ?Filato di carta?

Si tratta di una novit? assoluta nel mondo dei filati, ancora una volta una ?rivoluzione? firmata Lineapi?, che ? riuscita a trasferire in un filato la mano, le sensazioni, le propriet?, e l?estetica tipica dell?arte giapponese di lavorare la carta washi. Due i filati di carta proposti in collezione: ?Carta?, un autentico filo

filato "Mars"

filato “Mars”

di carta ritorto assieme a un filo di poliammide per generare effetti origami in maglia e ?Mars?, nastro di ?carta? di nylon spalmato con colori a pigmento che imita l?effetto delle pennellate ad acquerello, in un?unione tra artigianale e tecnologico.

filato "Carta"

filato “Carta”

Il filato di carta della gamma ?Paper knit?, trae origine dalla millenaria tradizione giapponese della carta washi, portando nel mondo della maglieria le lavorazioni che pi? caratterizzanti come origami, pittura e collage. Realizzato in un mix di carta e fibra poliammidica, il filato restituisce un effetto organza, tipico della carta washi: aprendo alla maglieria una gamma di nuove sensazioni tattili, visive e tecniche. Essendo per sua natura una fibra, la carta pu? essere filata e quindi lavorata a maglia. Lineapi? Italia ha sviluppato un progetto di ricerca che si ? dapprima concentrato sull?analisi delle fibre e poi sulle tecniche di trattamento del filato comportando la rettifica di macchinari per la filatura e ritorcitura. Il risultato ?, ancora una volta, un filato che amplifica le opportunit? per l?industria della moda – di particolare leggerezza, dalla mano peculiare e distintiva – che innova nella tecnica e detta nuove linee nell?estetica.

Alessandro Bastagli, presidente di Lineapi? Italia

Alessandro Bastagli, presidente di Lineapi? Italia

?La storia di Lineapi? Italia ? da sempre legata all?innovazione, tecnica ed estetica ? afferma Alessandro Bastagli, presidente della societ? ? siamo quindi fieri di essere riusciti, una volta ancora, a dare forma a nuovi concetti materici che si pongono al servizio della moda?.

La carta giapponese. Erroneamente definita carta di riso, la carta washi ? tradizionalmente fatta a mano, di buona consistenza, resistente e traslucida, utilizzata in molte applicazioni, come nelle arti tradizionali giapponesi, l?origami, la scrittura e i dipinti a china.La carta inizialmente fu portata in Giappone dalla Cina circa nel 610 d.c. dai monaci buddisti che la utilizzavano per scriverci i sutra. Nel IX secolo d.c. i giapponesi erano gi? diventati esperti nella manifattura di carta di qualit? eccelsa e nel corso dei secoli l’arte della produzione ? stata tramandata nelle famiglie da una generazione all’altra, tanto che nel tempo, la lavorazione della washi divenne la specializzazione di molte localit? del Giappone. Oggi, ne esistono migliaia di tipi, che si differenziano in variet? e raffinatezza.

  • Facebook
  • Twitter
24 gennaio 2017

Questo post è stato scritto da: ireali

Nessun commento

Lascia un commento