post icon

Tessile, la Cina diventa il primo acquirente dei tessuti made in Italy

stoffeLa tessitura made in Italy (in un?accezione comprensiva di tessitura laniera, cotoniera, liniera, serica e a maglia), secondo le stime elaborate dal Centro Studi di Sistema Moda Italia, dovrebbe archiviare il 2016 con un lievissimo calo rispetto ai livelli conseguiti nel 2015. A oggi si stima, infatti, una dinamica pari al -0,6%, che porta il fatturato complessivo a 7,86 miliardi di euro.? Sul bilancio settoriale incide il rallentamento delle vendite sui mercati internazionali (-2%), mentre il mercato interno, per lo pi? focalizzato su produzioni di successiva riesportazione, ha dimostrato interesse verso le produzioni italiane, contribuendo a un rallentamento pi? significativo delle importazioni (-2,5%). A fronte del suddetto andamento del commercio con l?estero, l?attivo commerciale di comparto si assesta sui 2.262 milioni di euro. Il surplus della tessitura concorre, comunque, al 24,8% del saldo commerciale della filiera Tessile-Moda nel suo complesso, pur rappresentando solo il 15% del fatturato totale. Un dato, peraltro, che si presenta relativamente stabile dal 2010 al 2016.

Nel periodo gennaio-ottobre 2016, la tessitura laniera mette a segno una crescita dell?export, pari al +6,6% nel caso del cardato, mentre si attesta al +0,3% nel caso del pettinato. Il fatturato estero dei tessuti di lino cresce, invece, del +6,3%. Il tessuto cotoniero, tuttavia, dopo le perdite di rilievo accusate nel quadriennio precedente, registra un rallentamento del -1,6%. I tessuti a maglia, invece, come gi? nel 2015, evidenziano un cedimento pari al -4,8%, mentre il tessuto in pura seta accusa una flessione pari al -6,9%. Nel periodo in esame, si registrano incrementi delle importazioni del tessuto laniero sia cardato sia pettinato, in aumento rispettivamente del +4,5% e del +9%. I tessuti cotonieri e i tessuti linieri, pur su livelli sensibilmente differenti, presentano una dinamica negativa pari al -3,9%. Le importazioni di tessuto a maglia cedono, invece, il -5,1% mentre quelle di tessuto in pura seta calano del -10%.

Nei primi dieci mesi del 2016, la Cina (+2,8%) + Hong Kong ? risultato il primo mercato di sbocco a livello mondiale dei tessuti made in Italy, mentre il mercato tedesco, pur confermandosi singolarmente come il primo sbocco dei tessuti italiani, dopo la flessione piuttosto accentuata dello scorso anno (-8,9%), arretra ancora del -3,7%. La Francia, terzo sbocco, contiene, invece, il calo al -1,2%. In controtendenza rispetto al dato medio, si muovono altre primarie destinazioni ovvero la Romania che cresce del +2,1% e la Tunisia, che segna un +2%. Scorrendo l?elenco dei top-market, segue poi un altro gruppo di Paesi caratterizzati da dinamiche di segno negativo: gli USA, dopo la crescita double-digit messa a segno nel 2015, cedono il -14,6%, la Turchia il -4,0%, la Spagna il -1,3%. Pur su valori assoluti pi? contenuti, cresce l?export diretto in Portogallo (+1,0%), Giappone (+0,9%), Regno Unito (+1,5%) nonch? Corea del Sud (+19,5%). Passando all?analisi dei mercati di origine dei tessuti importati in Italia, caratterizzati da un?elevata concentrazione dal punto di vista geografico nell?universo extra-UE (66,9%), si trova conferma, dell?ulteriore avvicinamento di Cina e Turchia, rispettivamente a quota 24,9% e 21,1%; tenuto conto che solo nel gennaio-ottobre 2010 la Cina assicurava il 39,9% dei semilavorati qui monitorati, mentre la Turchia il 12,4%. Nei primi 10 mesi del 2016, tuttavia, entrambi i Paesi sono caratterizzati da un decremento, la Cina nell?ordine del -8,7%, la Turchia del -1,7%.? Da segnalare che nell?ultimo anno, sulla base dell?indagine campionaria del Centro Studi di SMI, il calo dell?occupazione e del numero delle aziende attive nella tessitura si ? quasi arrestato, mentre nel periodo 2010/2014 si era registrata una perdita di lavoratori dipendenti di oltre 5.700 unit? (-16,7%) e la scomparsa di 320 aziende (-14,2%). La tenuta dei livelli di fatturato e dell?attivo della bilancia commerciale nel periodo 2010-2016 ? spiegabile con la maggior proiezione internazionale delle aziende, anche se molto resta ancora da fare, e con l?innalzamento del posizionamento verso le fasce pi? alte del mercato, nonch? dall?effetto compensazione che si crea tra il composito mix di tessuti che l?Italia sa offrire al mercato rispondendo alle tendenze moda.

  • Facebook
  • Twitter
2 febbraio 2017

Questo post è stato scritto da: ireali

Nessun commento

Lascia un commento