post icon

Ai produttori di tessuto l’era Trump non fa paura: “Hanno bisogno di noi”

Il tessile nell?era Trump non teme conseguenze, nonostante che il tycoon neo eletto presidente degli Stati Uniti d?America abbia fatto intendere di voler attuare una politica protezionistica.? Si tratta di un img_20160124_142603mercato importante per le aziende di un distretto, quello pratese, trainato da sempre dall?export.? Nella Grande Mela i produttori di tessuto locali hanno agenti e contatti con grandi brand che rappresentano dal 10 al 20% del fatturato delle aziende pratesi. ?Gli americani fanno ci? che ritengono pi? conveniente per loro – afferma l?imprenditore Maurizio Sarti del Lanificio Faliero Sarti – anche se il presidente Trump dovesse imporre dei dazi, tale politica non riguarderebbe mai quei prodotti che gli Stati Uniti non possono fare a meno di importare. Loro sanno badare ai loro interessi e per ricostruire il manifatturiero internamente ci vuole tempo. Detto ci?, ritengo che nell?immediato non ci sia niente da temere. Il cambio ? a nostro favore e, malgrado la situazione sia ancora abbastanza complessa e il comparto americano del fashion non stia passando un gran bel periodo, gli Usa sono un mercato dalle interessanti potenzialit? che pu? fare numeri importanti?. Nel caso del lanificio di Sarti, il mercato a stelle e strisce rappresenta un buon 15-20% del fatturato. ?Il modo migliore per penetrare questo mercato ? quello di effettuare visite di persona; le fiere sono poche e comunque, pur essendo un paese molto vasto, ? abbastanza facile da coprire perch? l?80% dei clienti si trova a Manhattan. I pi? importanti marchi di abbigliamento sono quasi tutti concentrati nella zona di New York?.? Sandro CiardiIl sogno americano rimane integro anche per chi, come Sandro Ciardi, titolare della Dinamo, l?America vale appena il 10% del propriofatturato. ?Il nostro mercato di riferimento resta quello interno, poi c?? quello Europeo – spiega – questo, per?, non significa che gli Stati Uniti non siano un mercato interessante e in crescita per le nostre aziende. Per i rapporti commerciali ci affidiamo a una rete di agenti sul posto e alle fiere di settore, in particolare, adesso, siamo concentrati su Milano e Premi?re Vision Parigi, dove ci aspettiamo di incontrare tutti i nostri clienti?.

 

  • Facebook
  • Twitter
3 febbraio 2017

Questo post è stato scritto da: ireali

Nessun commento

Lascia un commento