post icon

-1 a Milano Unica. Il presidente Botto Poala: “Dai pratesi mi aspetto collezioni complete”

ercole-botto-poala-1

I pratesi li aspetta al varco. Suona come una battuta ma nasconde un fondo di verit?. Ai nostri espositori il presidente di Milano Unica chiese garanzie ben precise nell?autunno 2016, quando fu deciso di anticipare le date del salone italiano dei tessuti da settembre a luglio. ?Pi? che altro mi aspetto collezioni complete?, raccomanda Ercole Botto Poala alla vigilia della kermesse che porter? a Rho Fiera di Milano, dall?11 al 13 luglio, 64 espositori pratesi su un totale di 456 partecipanti. Sono 24 in pi? rispetto alla passata edizione di settembre per la preview mondiale dei tessuti e accessori che entreranno nel guardaroba dell?autunno-inverno 2018/2019.
Chiss? se i nostri lanifici saranno all?altezza per gestire questa sperimentazione ma, numeri alla mano, sembra che la grande e coraggiosa scommessa dell?anticipo abbia gi? riscosso successo tra i pratesi. L?edizione imminente d? cos? un calcio alla tradizione e segna un corso nuovo che per il numero uno di Mu rappresenta prima di tutto ?una scelta imprenditoriale?.
Presidente Botto Poala, la pattuglia dei pratesi in fiera ? notevolmente cresciuta. Che cosa si aspetta dagli espositori del distretto laniero?
Di sicuro che si presentino con collezioni complete altrimenti (sorride, ndr) andr? a prenderli uno ad uno. Mi far? pagare da loro una bistecca alla fiorentina, anzi meglio, un buon piatto di sedani alla pratese visto che dalle vostre parti si mangia cos? bene.
Battute a parte, quali impegni porta per le aziende il nuovo calendario fieristico?
Questo ? un esperimento coraggioso, occorre rimodulare il proprio lavoro in funzione del nuovo calendario. Se le aziende riescono a consegnare le referenze prima delle ferie estive ci guadagnano tutti.
Ma le ferie estive sono dietro l?angolo?
Vede, solo in Italia abbiamo l?obbligo di fare vacanze lunghe ad agosto: nel resto del mondo non ? cos?. Con lo spostamento di date abbiamo anticipato di un mese il processo del campionario con meno pressione all?ultimo minuto per le aziende. Del resto, non ? che ci siamo svegliati una mattina per decidere di anticipare il salone: l?input ? arrivato da tutti i distretti, Prato compresa.
Una scelta per assecondare le trasformazioni in atto nell’industria della moda?
Indubbiamente. Il mondo del retail sta soffrendo, dalla distribuzione ci arrivano segnali ben precisi, soprattutto dagli Stati Uniti.
Si riferisce al boom dell?e-commerce?
Non solo. Ormai abbiamo a che fare con canali di vendita alternativi come i servizi di Trunk Club molto apprezzati negli Usa che danno la possibilit? di provare a casa un prodotto prima di acquistarlo. Cercare di connettere il nostro monte con il mondo a valle della filiera, ecco il prossimo step di Milano Unica.
Il valore aggiunto delle produzioni pratesi in una sola parola, secondo il presidente di Mu.
Creativit?, senza dubbio. Ma mi preme sottolineare l?aspetto della continuit?.
Che timori ha?
Bisogna credere in Milano Unica per pi? stagioni, non solo nell?edizione di luglio. Non si pu? fare squadra solo adesso e non a febbraio. La continuit? ? fondamentale per portare a casa i migliori risultati.
Maria Lardara

  • Facebook
  • Twitter
10 luglio 2017

Questo post è stato scritto da: marialardara

Nessun commento

Lascia un commento