Vita da cani & C. Niki Bau Bau

Taiwan dice no a cani e gatti in pentola

Approvata ufficialmente da Taiwan la legge che bandisce il consumo di carne di cane e gatto. I trasgressori verranno puniti con una multa di 250mila dollari taiwanesi, circa 7.600 euro, che diventano 2 milioni (61mila euro) e due anni di prigione per la macellazione clandestina. Lo ha comunicato in questi giorni la World Dog Alliance, charity con sede a Hong Kong, precisando che il processo legislativo è incominciato il 10 dicembre nella città di Kaoshing, la prima a bandire il consumo di carne di cane. Partendo da questo il 16 maggio 2016 la Wda ha organizzato un importante meeting a Taipei, la capitale di Taiwan, per sensibilizzare la classe politica del Paese sull’importanza di vietare il consumo di carne di cane. Ed è nata così una proposta legislativa bipartisan del partito Nazionalista e di quello Democratico Progressista per il bando alla carne canina. Dopo una serie di boicottaggi da parte di alcuni membri del parlamento taiwanese (Yuan), finalmente la legge è passata. La decisione, che riguarda anche la carne di gatto, fa parte di un pacchetto di norme destinate a proteggere gli animali e prevede come pene multe salate, condanne fino a due anni di carcere e la diffusione del nome e delle fotografie di chi le viola.

  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Twitter