Vita da cani & C. Niki Bau Bau

La casa di Margot per cani sfortunati

ANIMALISTA: è un vocabolo che non amo molto, cosa vuol dire? Il vocabolario cita “chi difende gli animali dallo sfruttamento dell’uo- mo”. Quindi chi ha a cuore il benessere degli animali viene definito così… e tutti gli altri? A mio avviso è solo una questione di rispetto che tutti dovrebbero avere e non certo di etichette. Rispettare tutti gli animali, in quanto esseri viventi, per me è una cosa naturale, una di quelle cose che definiamo “normali”, purtroppo non è un sentimento comune. Non chiamatemi dunque animalista, dico sempre, non trovo giusto essere incasellati, classificati, in questa o quella categoria. Io con questa “strana malattia” ci sono proprio nata, un amore infinito per gli animali che ho iniziato a provare fin da piccola, ve lo dico chiaramente, non intendo guarire!

Questo è un passaggio della casa di Margot”scritto da Barbara Noferi per raccontare la storia dell’omonima associazione piombinese che da anni si prende cura degli animali abbandonati.

Il saggio della Noferi, amante degli animali e della natura ( lavora stagionalmente come guida alla Parchi Val di Cornia), vuole raccontare una piccola realtà del nostro territorio ( la casa di Margot appunto), per dar voce all’impegno e alla dedizione di molte volontarie che ogni giorno salvano e curano gli animali più sfortunati, senza nessun tornaconto, ma solo con il loro grande cuore- “Volevo attirare l’attenzione in modo particolare sull’esperienza di una donna decisa e determinata, Maria Cristina Biagini, – ha spiegato l’autrice del libro – ma anche sulle sue esperienze, sugli anni di volontariato e su tutte le volontarie che nel nostro comune si impegnano, con l’intento di dare una nuova vita e un’altra possibilità a cani e gatti sfortunati”. Come quelli del canile di Piombino- costretto a traslocare perché dove è collocato infastidisce il unnamedvicinato- che dovranno andare lontano dal territorio in un canile che li ospiterà temporaneamente in attesa che la città promontorio costruisca una struttura idonea. Animali anziani e spesso malati, il cui trasloco comporterà un trauma e per i quali è partita una campagna di sensibilizzazione volta all’adozione anche temporanea.

Chi fosse interessato all’acquisto di una o più copie di “ La casa di Margot”può contattare la casa editrice Il Foglio https://www.edizioniilfoglio.com/copia-di-pagano-17. Chi invece volesse adottare uno dei cani sfortunati del canile può rivolgersi all’Enpa di Piombino cell 3662748416

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Twitter