Vita da cani & C. Niki Bau Bau

Miro torna a casa e ringrazia tutti

 

Miro tornerà a casa tra i suoi affetti. Lo ha stabilito il giudice del riesame di Trento che ha disposto il dissequestro del pastore maremmano portato in canile perché abbaiava troppo. “Abbiamo vinto tutti – ha commentato Rinaldo Sidoli, responsabile centro studi del Movimento Animalista– e ha vinto soprattutto una battaglia di libertà contro una detenzione illegittima e illogica”. Abbaiare è un diritto naturale dei cani e l’allontanamento coatto pregiudicava il benessere dell’animale. Ma adesso per fortuna tutto è finito e Miro ricomincerà da capo la sua vita di cane amato e felice. Con un accordo: dovrà restare a casa di notte, cosa che peraltro già accadeva,ma che ora è stata messa nero su bianco. Il Movimento Animalista ha sostenuto la petizione #freeMiro che ha raccolto oltre 242 mila firme sulla piattaforma Change.org grazie anche all’intervento dell’onorevole Michela Vittoria Brambilla. Tutto è bene quel che finisce bene, ma speriamo che Miro non apra la strada a lamentele inutili di vicini intolleranti.miro-640x367

  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Twitter

3 commenti 8

  • Pio Bove scrive:

    Mangiali zitto zitto

  • CRISTINA scrive:

    Mi ricordo che dove abitavo, in Banditella , in via Gozzer,i vicini fecero chiamare “la lacciaia” per un gattone bianco e rosso che viveva tranquillo tra gli ulivi e casa nostra; erano gli anni Ottanta, andai appena saputo del fatto ignobile a riprenderlo in via del Forte San Pietro, povero micio in gabbia tra decine di gabbie occupate da cani e gatti, fra i lamenti degli animali da macellare, poveri cristi anch’essi… il gatto si chiamava Giovanni, che gente brutta ho sempre pensato di coloro che ebbero il coraggio di un gesto simile…amano gli animali nei piatti , ma mai compassione e amore per quello che gli animali in generale donano agli uomini…venni via da quel quartiere senza rimpianti per quei vicini che vorrei tanto chiamare per cognome, ignobili…

  • Lascia un commento